Zoo al Maglio, esperienza unica per tutta la famiglia –


C’era una volta, in un paese lontano lontano, un leoncino in difficoltà che incontrò una coppia coraggiosa e cambiò per sempre la loro vita. Ha il sapore magico di una favola la storia dello Zoo al Maglio che oggi, con oltre 200 animali di 47 specie diverse provenienti da tutto il mondo, è l’unico zoo di tutto il Ticino e, adatto per tutta la famiglia, si propone come la meta ideale per un’escursione a contatto con la natura.

«Tutto è iniziato parecchi anni fa – racconta Sabina Fehr – quando, negli anni 60 i miei genitori, Edith e Roland, decisero di visitare lo zoo di Teheran e qui s’imbatterono in un cucciolo di leone che, malato, avrebbe dovuto essere soppresso. Subito decisero di intervenire e, dopo aver fatto tutti i controlli e i permessi del caso, misero il cucciolo al guinzaglio e lo portarono in Svizzera dove abitavano». Giunti a casa con questo nuovo amico speciale iniziarono una nuova vita, accogliendo vari animali in cerca di nuova dimora fino alla necessità di spostarsi alla ricerca dello spazio più adatto ad accoglierli tutti. «Il trasferimento in Ticino – spiega ancora Sabina – avvenne 44 anni fa e i miei genitori, senza sapere una parola d’italiano ma con tanta tanta voglia di lavorare sodo per il benessere dei loro animali, cominciarono i lavori per la costruzione dello zoo».

Da allora sono cambiate molte cose e, a qualche anno di distanza dall’improvvisa scomparsa del papà Roland, Sabina è entrata nella realtà di famiglia affiancando la mamma nella gestione quotidiana della struttura. «Oggi – continua – abbiamo leoni (discendenti del capostipite che diede il via al progetto) ma anche leopardi delle nevi, wallaby di Bennett, procioni, gibboni, macachi giapponesi, cebi dai cornetti, varie specie di volatili e tanto altro». Proprio per questo lo spazio si propone come la destinazione ideale per una visita in famiglia anche perché la visita è un’esperienza davvero particolare. «Le galline e il pavone sono liberi – racconta ancora Fehr – e abbiamo dei recinti dove è possibile avvicinare tantissimo gli animali che, volutamente, scegliamo non particolarmente pericolosi per i bambini. Leoni e leopardi delle nevi sono ovviamente da osservare da lontano ma alle scimmiette, alle capre e ai maialini, per esempio, ci si può avvicinare molto interagendo con loro e addirittura dando loro da mangiare il foraggio ottenibile all’ingresso». Gli spuntini di ciascun abitante dello zoo, poi, vengono rigorosamente annotati per adattare la loro dieta quotidiana alla quantità di cibo che hanno già ricevuto.

Aperto 365 giorni all’anno, lo zoo mette a disposizione dei suoi visitatori anche la possibilità di organizzare feste per bambini davvero indimenticabili con una casetta allestita ad hoc, un’attività di animazione adatta all’età o una visita “personalizzata” agli animali dello zoo con i piccoli ospiti che – accompagnati da un guardiano – possono chiamare per nome i singoli abitanti del parco entrando nei recinti e aiutando il personale a sfamarli.  «Il risultato? Per i più piccoli è un’esperienza unica – ammette Sabina – ma anche i “grandi” restano affascinanti, al punto che abbiamo già ospitato anche qualche festa tra adulti».

E l’obiettivo per il futuro dello zoo al Maglio va proprio nella direzione dell’esperienza visto che, per il domani, Sabina Fehr non nasconde il desiderio di ampliare la proposta introducendo un’animazione continua (tanto per i bambini quanto per gli adulti), alcuni laboratori didattici e non solo. «Il mio sogno nel cassetto – conclude – è quello di offrire ai nostri ospiti la possibilità di trascorrere la notte in “mezzo alla giungla” per un’esperienza davvero unica e indimenticabile».

Contatti

– Zoo al Maglio
– Via ai Mulini 14, 6983 Magliaso
– Telefono: +41 91 606 14 93
– E-mail: post@zooalmaglio.ch


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *