YouTube come la tv, arrivano film interrotti dagli spot –


ROMA – Film gratis su YouTube, in cambio di spot pubblicitari. A grandi passi il portale video si avvicina alla tv generalista e, naturalmente, va a caccia degli inserzionisti. Da Rocky a Terminator, la piattaforma video inaugura una sezione ad hoc con un centinaio di titoli per nostalgici. Una mossa che mira a rosicchiare utenti dallo streaming di Amazon e Netflix ma anche a fronteggiare la concorrenza sempre più agguerrita dei social network che puntano dritto sui video. YouTube consente già di acquistare e poi guardare in streaming film recenti e classici, in un catalogo sempre più in espansione. In sordina, all’inizio di ottobre ha lanciato anche una nuova sezione che ospita pellicole più vecchie e permette di vederle gratuitamente a patto di guardare un po’ di pubblicità. Questa sezione è rintracciabile nella pagina dove ci sono già i film a pagamento. In Italia non è ancora presente.

“Abbiamo colto questa opportunità basandoci sulle richieste degli utenti e l’abbiamo aggiunta all’offerta di film a pagamento. È anche una bella occasione per gli inserzionisti”, ha spiegato Rohit Dhawan, dirigente di YouTube, in un’intervista ad AdAge. Tema sensibile per Google, proprietaria della piattaforma video che conta due miliardi di utenti, è proprio la pubblicità da cui deriva la fetta più consistente dei suoi guadagni. L’apertura della sezione di film gratis interrotti dagli spot potrà dunque attirare più inserzionisti e anche rappresentare un’oasi di contenuti sicuri su cui investire.

Quasi un anno fa, infatti, è scoppiato il polverone delle pubblicità finite su video violenti o con contenuti d’odio che ha provocato il dietrofront di alcune grosse aziende, con Big G che ha bruciato in poco tempo quasi 23 miliardi di dollari. Altro tema sensibile per YouTube è l’assalto delle piattaforme tecnologiche e dei social al settore della produzione di contenuti e dello streaming, una modalità amata dai giovanissimi. Con Netflix e Amazon in testa, seguite anche da Facebook e Instagram sempre più aggressive sul fronte video. Il social di Mark Zuckerberg ha lanciato in tutto il mondo Watch, per vedere show, notizie e serie originali. Mentre Instagram dà la possibilità di caricare video e contenuti originali di un’ora. Infine, anche Apple si sta muovendo: pochi giorni fa ha raggiunto un accordo con lo studio A24, conosciuto per aver prodotto il film Moonlight premiato agli Oscar, per iniziare una collaborazione.
 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *