volano Inghilterra e Francia, CR7 non basta al Portogallo –


ROMA – Vince e diverte l’Inghilterra che domina 5-0 la Repubblica Ceca con tre gol di Sterling. Poche opportunità per Schick, che si fa ammonire e viene sostituito a otto minuti dalla fine. Facile successo, in questa prima giornata di qualificazioni per Euro 2020, anche della Francia, con Matuidi titolare perché Coman si fa male in riscaldamento. A fine primo tempo è già 3-0 in Moldavia: Giroud raggiunge Trezeguet fra i marcatori all-time dei Bleus. Segna nel finale anche Mbappé, poi gol della bandiera per l’1-4 di Vladimir Ambros. Serata amara per Cristiano Ronaldo che torna dopo sei partite in nazionale ma sbatte contro la difesa dell’Ucraina e le parate di Pyatov: al Da Luz di Lisbona finisce 0-0.

POKERISSIMO INGHILTERRA – E’ Sterling l’uomo copertina nell’undicesima vittoria di fila per l’Inghilterra nelle qualificazioni per gli Europei. I Tre Leoni centrano anche l’undicesimo successo in casa nella gestione Southgate in sedici incontri, con appena una sconfitta, contro la Spagna in Nations League. Il ct mantiene così il quarto miglior rendimento interno di tutti i tempi sulla panchina della nazionale inglese dietro Roy Hodgson, Fabio Capello e Walter Winterbottom. Parte subito forte Sancho, che ha spazio nella difesa dei cechi. Sterling tocca due palloni in area nei primi 20 minuti, ma dal nulla o quasi inventa il gol del vantaggio. E’ proprio Sancho ad avviare l’azione con uno scatto dei suoi, Sterling come tante volte ha fatto con la maglia del Manchester City si smarca sul secondo palo: cambiano interpreti e colori, non il risultato. Il tap-in è elementare. Il primo tempo si chiude con i due difensori Pavel Kaderabek e Tomas Kala che stringono in area Sterling. Il rigore, un po’ generoso, lo trasforma Kane che la piazza alla sua maniera nell’angolo alto. Nella ripresa è sempre Sterling ad avventarsi su una palla sporca dopo un rimpallo e a trasformare l’occasione nel gol del 3-0. Southgate, con l’Inghilterra in totale controllo, fa debuttare Declan Rice. L’Inghilterra non smette di spingere e all’84’ segna ancora. Callum Hudson-Odoi tenta una conclusione senza troppe pretese, il portiere Jiri Pavlenka respinge sulle gambe stanche del difensore del Bristol City Tomas Kalas che non si scansa in tempo e vede la palla scivolare lentamente nella porta vuota.

Inghilterra-Repubblica Ceca, tabellino e statistiche

Nello stesso girone, il gruppo A, 1-1 tra Bulgaria e Montenegro. Al Levski Stadium di Sofia sono gli ospiti a passare in vantaggio al 5′ della ripresa con Mugosa ma a otto minuti dalla fine l’arbitro assegna un dubbio rigore ai padroni di casa (l’intervento di Jovovic su Kostov sembra fuori area) e dal dischetto Nedelev firma il definitivo 1-1.

PORTOGALLO STERILE – Pressa da subito il Portogallo contro la squadra di Shevchenko. Nel primo confronto diretto fra le due nazionali dal 1996, Cristiano Ronaldo, dopo aver saltato le ultime sei partite della Seleçao, rientra e si prende il ruolo di punto di riferimento per l’attacco della Seleção di Fernando Santos. Il contropiede di Konoplyanka, chiuso da Pepe al 13′, non fa cambiare i piani dei portoghesi. William Carvalho si vede annullare un gol per fuorigioco, al 23′ CR7 brucia Kryvtsov sulla sinistra, rientra sul destro e calcia, Pyatov chiude l’angolo e devia. Si ripete, il portiere ucraino, quattro minuti dopo, sempre su Cristiano Ronaldo. Il tema della partita non cambia: il Portogallo attacca e fa girar palla, l’Ucraina però difende bene e poggia su un Pyatov ancora notevole al 57′ sul destro a giro di André Silva. Cresce la frustrazione di CR7 ma il punteggio non si sblocca.

Portogallo-Ucraina, tabellino e statistiche

Nel gruppo B anche il Lussemburgo che batte 2-1 la Lituania in casa. Ospiti in vantaggio con il sinistro di Cernych da un angolo piuttosto stretto, pareggio al tramonto del primo tempo di Barreiro Martins. Gerson Leal Rodrigues Gouveia completa la rimonta con un preciso destro da fuori.

LA FRANCIA DILAGA – Serve poco meno di mezz’ora alla Francia per risolvere la sfida contro la Moldavia, che ha perso sette delle ultime otto partite di qualificazione per gli europei. I Bleus, con Matuidi titolare perché Coman si fa male in allenamento (dolori lombari) passano al 24′. Griezmann combina con Pogba, cui la Francia affida praticamente tutte le trame offensive. Il “Polpo” chiude la combinazione in un tocco e il “Piccolo Diavolo” disegna una diabolica quanto efficace girata al volo di sinistro. La Francia, la più giovane nazionale campione del mondo dai tempi del Brasile nel 1970, raddoppia al 27′ con il quarto gol in 55 presenze in nazionale di Varane bravo a inserirsi di testa sul primo palo sul corner di Griezmann. Al 34′ Matuidi traccia da sinistra il cross per il diagonale di Giroud che con 34 reti raggiunge Trezeguet al terzo posto fra i goleador di tutti i tempi della nazionale francese. La ripresa è solo una lunga attesa perché Mbappé si sblocchi dopo essere rimasto a secco nelle ultime tre partite con la maglia dei Bleus: attesa che si interrompe all’87’ sul bel lancio di Lemar. C’è festa sugli spalti a Chisinau nel finale per la rete della bandiera di Vladimir Ambos. Per la Moldavia, che in cinque delle otto ultime partite di qualificazioni per gli Europei era rimasta a secco, è un gol da celebrare. 

Moldavia-Francia, statistiche e tabellino

Nel gruppo H, successi della Turchia e dell’Islanda. I turchi si impongono 2-0 in Albania sulla nazionale del ct Christian Panucci: al 21′ apre le marcature il destro di Burak Yilmaz, al 55′ raddoppia Calhanoglu con una conclusione potente da fuori. L’Islanda passa 2-0 ad Andorra. Il vantaggio lo firma di testa l’ex Pescara Bjarnason da calcio d’angolo a metà primo tempo. A 10′ dalla fine raddoppia Kjartansson.


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *