«Valencia, fai come il Manchester United» –


TORINO – “Ogni partita ha una storia a sè, ma domani mi piacerebbe avere la capacità di far centro che ha avuto il Manchester United qui a Torino, nonostante la Juve fosse stata superiore per tutta la partita“. Marcelino si augura che il suo Valencia riesca a imitare i Red Devils che all’Allianz Stadium, dominati per 80 minuti dai bianconeri e sotto di un gol, riuscirono a ribaltare la gara nel finale. “Siamo pronti per una grande partita – prosegue il tecnico spagnolo – nella miglior competizione del mondo e contro una squadra come la Juve, che è candidata ad arrivare in finale e vincere. Ma faremo di tutto per vincere. La Juve è molto forte dal punto di vista fisico, individuale e collettivo. Noi dobbiamo cercare di arrestare questa potenza con una delle nostre virtù: la pazienza“. All’andata non c’era Dybala fra i bianconeri “ma c’era Bernardeschi che fece una super partita. La Juve ha delle individualità straordinarie, quindi dovremo essere bravi a fermare il collettivo“. E poi c’è da fare i conti con Cristiano Ronaldo, espulso al Mestalla e voglioso di rivincita. “Cristiano è un calciatore straordinario – dice ancora Marcelino Gioca sempre al massimo, vuole vincere e segnare. Al di là del suo talento, ha un’ambizione smisurata, sarà lo stesso di quello a cui eravamo abituati in Spagna“.

Noi abbiamo intenzione di vincere perché dipende da questa vittoria il nostro futuro in Champions – ha sottolineato ancora il tecnico del Valencia Sarà una partita lunga, difficile, ma la squadra sta bene. Per i nostri avversari non sarà facile vedersela con noi, abbiamo intensità e speriamo che questo ci porti a vincere“. Marcelino non firma per il pari: “Noi dobbiamo puntare a vincere, un altro risultato non ci porta a niente di favorevole“.

In conferenza stampa era presente anche il portiere Neto, ex di turno che alla Juve ha fatto due stagioni vincendo due campionati, due Coppe Italia e una Supercoppa italiana ma non vivendola benissimo: “Sono contento di essere qui, ma non so cosa sarebbe potuto essere. Io ho vissuto due anni in cui non sono stato bene, non volevo stare in quella maniera e sono contento di quello che ho fatto“. Il portiere brasiliano del Valencia ha poi aggiunto: “Abbiamo voglia di fare un grande risultato, perché è molto importante. Dipenderà solo da noi. L’ambiente che troveremo sarà difficile, la Juve è un avversario forte, non ha vinto l’ultima partita (di Champions, ndr), ma sta facendo bene e noi abbiamo le qualità per imporre il nostro gioco“. (in collaborazione con Italpress)


Marcelino: “Domani conta solo vincere”


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *