Turchia, Arda Turan incriminato per molestie e aggressione: rischia 12 anni di carcere


Arda Turan stato incriminato per aggressione e rischia 12 anni di carcere. Il centrocampista, 31 anni, mercoled scorso si trovava a Emirgan, sulla costa europea del Bosforo, vicino a Istanbul, in compagnia del compagno di nazionale Burak Yilmaz.

Nel corso della notte, per motivi da accertare, nel nightclub in cui si trovavano scoppiata una rissa con un celebre cantante locale, Berkay Sahin, che accusava la tella del Barcellona, ora in prestito al Basaksehir, di aver molestato la moglie Ozlem Ada Sahin. I due sono entrati in contatto e il calciatore ha colpito con un pugno al naso Berkay.

In seguito, la coppia si recata in ospedale. Poco dopo stata raggiunta proprio da Turan che aveva avuto con s una pistola e ha anche esploso un colpo. Turan ha parzialmente ammesso la vicenda con un lungo post su Instagram: C’ stata una lite nella mia sera libera, nel posto in cui sono andato con i miei amici, ma non si trattato n di questioni di onore n di purezza. Tra l’altro Arda Turan sta per diventare padre e la moglie era in quel momento a casa. Secondo i verbali dell’interrogatorio, poi, il calciatore giustifica anche il possesso della pistola cos: Quando sono andato all’ospedale ho dato la pistola in mano a Berkay e gli ho detto di spararmi se credeva avessi molestato sua moglie. Lui mi ha restituito la pistola dicendo di credermi ed un colpo partito accidentalmente.

Luned il pubblico ministero ha chiesto e ottenuto l’incriminazione per: molestie sessuali, lesioni volontarie, disturbo della quiete pubblica e porto d’armi non autorizzato. Le accuse potrebbero portare a una condanna fino a 12 anni e mezzo.

15 ottobre 2018 (modifica il 15 ottobre 2018 | 16:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *