Tramezzini congelati a scuola, risarcimento di 65 mila euro –


MILANO Tante scuse ma anche un rimborso. Milano Ristorazione donerà alle scuole 65 mila euro in buoni per libri o per acquistare materiale scolastico come risarcimento simbolico per il pasto a base di tramezzini (congelati e immangiabili) e budino serviti agli alunni al posto del pranzo, in occasione dei due giorni di assemblea sindacale della settimana scorsa.

«PRANZO INACCETTABILE»

Quei panini, come ha riconosciuto anche il Comune, erano tristissimi: una fetta di formaggio appoggiata su un triangolo di pan carrè asciutto e tre mezzi pomodorini. Il pranzo era stato definito «inaccettabile» anche dal sindaco Beppe Sala – «le mamme hanno ragione a protestare», ha detto – mentre Milano Ristorazione si è difesa spiegando di non aver avuto tempo a sufficienza per preparare un pranzo sostitutivo. Ma le foto dei panini hanno fatto il giro del web e così, dopo le proteste dei genitori e le polemiche sulla qualità dei tramezzini dati ai bambini, palazzo Marino ha chiesto alla società di reinvestire la stessa cifra spesa per quel pasto, ovvero 65 mila euro, e regalare alle scuole buoni libri o per materiale scolastico. Ad annunciarlo è stato l’assessore all’Educazione del Comune di Milano, Laura Galimberti, nel corso di una riunione di commissione a palazzo Marino a cui hanno partecipato anche i vertici di Milano Ristorazione, la società comunale che si occupa di gestire il servizio mensa delle scuole milanesi. «Ci incontreremo con Milano Ristorazione al più presto per approfondire e per chiarire che una situazione analoga non dovrà ripetersi più», aveva promesso l’assessore. Ora l’incidente è chiuso, con tante scuse e risarcimento in arrivo.


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *