Tap, parte la condotta sottomarina dall’Albania: ora manca solo l’Italia


In Italia si discute, dall’altra parte dell’Adriatico si terminano i lavori. Il via, in Albania (a Fier) alla realizzazione della condotta sottomarina del gasdotto Trans Adriatic Pipeline (Tap) sancisce, di fatto, il completamento del tratto albanese del progetto (restano da terminare una decina di chilometri, su 220; la stazione di compressione, pronta a met; l’approdo). Il gasdotto che fornir all’Europa il metano proveniente dai giacimenti azeri, attraversando la Grecia e l’Albania per raggiungere poi le coste pugliesi in Italia, a questo punto completato per l’80%. Resta da fare, adesso, il collegamento con l’Italia con una tratta sottomarina, lunga 105 chilometri, per cui prevista l’installazione di 9 mila tubature del peso totale di circa 100mila tonnellate. La realizzazione dei lavori stata affidata all’italiana Saipem: almeno 10 navi specializzate saranno impegnate per saldare le tubature a bordo e deporle sul fondale marino, ad una profondit di oltre 810 metri.

Il versante italiano

Alla cerimonia organizzata in Albania, il managing director del Tap, Luca Schieppati ha parlato di un altro importante passo nella costruzione del gasdotto. La conclusione dei lavori e la messa in opera saranno nel 2020. Circa l’80 per cento dell’intero progetto stato ormai realizzato. Il premier albanese Edi Rama, invece, si augurato che siano risolti anche i problemi in Italia. Dove i lavori sarebbero dovuti riprendere — dopo la pausa estiva — luned 15 ottobre e invece sono rimasti congelati. Dal punto di vista giuridico-amministrativo — ha spiegato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa — il procedimento sarebbe chiuso, ma se ci sono delle insorgenze nuove, che noi non possiamo immaginare, siamo pronti a fare delle verifiche. Stiamo valutando se i documenti presentati dal sindaco di Melendugno Marco Pot contengono elementi nuovi e se effettivamente possono cambiare lo scenario. Essendo una procedura incardinata e definita, per poterla riaprire devono esserci delle novit particolarmente evidenti, tali da dimostrare che la procedura precedente non era corretta, illegittima se non addirittura illegale. Questa verifica — ha aggiunto — ha una valenza esclusivamente tecnica, giuridica e amministrativa, non c’ nulla di politico. Non ci pu essere nulla di politico su una procedura chiusa. Detto questo io far un appunto alla presidenza del Consiglio perch una vicenda che non riguarda solo il ministero dell’Ambiente, come giusto che sia e in maniera molto trasparente.

20 ottobre 2018 (modifica il 20 ottobre 2018 | 10:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *