StartupItalia! apre il capitale “Raccolta sul web per creare il distretto dell’innovazione


StartupItalia! vuole diventare grande e rappresentare la rampa di lancio per le start up italiane. Da luned si trasformata in public company al cui capitale potr partecipare chiunque lo desideri attraverso il crowdfunding di Mamacrowd (https://mamacrowd.com/projects/215/startupitalia?tab=profilo) e ha gi raccolto oltre 512 mila Euro da 185 investitori superando il primo obiettivo che si era posta nel giro di pochi giorni. Una campagna che si chiuder il 19 febbraio e dovrebbe portare StartupItalia! da media company a progetto aperto per l’innovazione del nostro Paese.

Nel nuovo spazio si incontreranno start upper, esperti e giovani e ci sar una digital academy

Perch questa scelta? “Raccogliamo fondi da investire in uno spazio all’interno dei Frigoriferi Milanesi da 12mila metri quadri che inaugureremo in aprile e che sar aperto agli incontri tra start up, investitori, esperti e a una digital academy che si occuper della formazione sia degli start upper sia dei free-lance sia dei giovani neodiplomati o neolaureati. Vogliamo trasferire l’attivit di promozione delle neo imprese dalla nostra piattaforma anche in uno spazio fisico dove offriremo anche postazioni oltre che servizi in abbonamento. Il limite d’investimento sar fino a un milione di Euro, perch la nostra societ stata valutata 12 milioni” racconta David Casalini CEO e co-fondatore di StartupItalia! insieme a Luca Librenti, reduci dall’Open Summit di luned scorso che ha premiato come miglior start up dell’anno Erydel, societ di Giovanni Mabrini che ha sviluppato una tecnologia per la cura delle malattie neurodegenerative. A gettare le basi del distretto dell’innovazione anche i fondatori di Nana Bianca Paolo Barberis, Alessandro Sordi, Jacopo Marello, e Marco Montemagno, creatore di 4Books e Slashers.

Gli obiettivi:37milioni di fatturato in cinque anni e 100mila persone formate

“Entro cinque anni i nostri obiettivi sono raggiungere i 3 milioni di lettori del nostro magazine online, 37 milioni di fatturato e centomila persone formate perch oggi le start up innovative sono diecimila e sono ormai una realt importante che d lavoro a 50mila persone, a cui vanno aggiunti fondatori e investitori. Se il Governo metter in atto quello che ha promesso, potrebbero occupare fino a 400mila individui in 12/24 mesi” rivela Casalini. Alla fine del 2018 gli investimenti in start up sono pi che triplicati e dovrebbero toccare i 520 milioni(secondo una stima del Politecnico di Milano potrebbero arrivare addirittura a 600milioni e l’Italia risulta essere uno dei dieci Paesi europei che investono maggiormente. Irene Consigliere

20 dicembre 2018 (modifica il 20 dicembre 2018 | 09:24)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *