Si accendono le luci sui capolavori di New York


In arrivo la settimana dell’arte più importante dell’anno, insieme a quella di maggio. A New York tutto è pronto per le vendite di Impressionisti, moderni e contemporanei. Christie’s, in primavera, aveva aggiunto l’asta della collezione Rockefeller (che ha raccolto 646 milioni di dollari per 44 lotti, 100% di venduto, 7 nuovi record realizzati e 7 opere vendute oltre 30 milioni dollari). Ora ha in serbo di offrire l’illustre collezione Ebsworth. Stima oltre 300 milioni di dollari e rappresenta uno straordinario successo nella storia del collezionismo. L’asta – con 85 opere – sarà suddivisa in due sessioni, Evening e Day (13 e 14 novembre).

I punti salienti della raccolta includono Chop Sueydi Edward Hopper, del 1929, l’opera più importante dell’artista ancora in mani private (stima intorno a 70 milioni), Composition with Red Strokes di Jackson Pollock (circa 50 milioni) e Woman as Landscape di Willem de Kooning (60). «Senza mentore e lezioni, mi sono accostato alla storia dell’arte leggendo e guardando. I miei occhi erano i miei mentori» ha raccontato Ebsworth. «Nel settore immobiliare, dicono che tre cose contano: posizione, posizione, posizione. Per me, collezionare arte riguardava qualità, qualità, qualità». Ma veniamo alla classica Evening d’arte moderna. L’asta si terrà domenica sera 11 novembre. Scelta inedita e interessante. Tra i top lot un van Gogh del 1887 Coin de jardin avec papillons – per la prima volta in asta – la cui stima si aggira sui 40 milioni. David Kleiweg de Zwaan, di Christie’s ha osservato: «I due anni che van Gogh ha trascorso a Parigi, dal marzo 1886 al febbraio 1888, rappresentano un periodo cruciale della sua carriera, Coin de jardin avec papillons è un esempio chiave dello stile innovativo e radicale di van Gogh».

«Ad Anversa non sapevo nemmeno cosa fossero gli impressionisti – scrisse a un amico -. Ora li ho visti e sebbene non faccia parte del movimento, ho ammirato alcune opere impressioniste». Coin de jardin avec papillons arriva in un momento in cui il pittore olandese scopre la brillantezza della luce e inizia a utilizzare colori diversi da quelli terrosi che usava fino a prima del viaggio a Parigi.

Ma i capolavori in asta sono davvero molti altri. Oltre a quattro muse di Picasso che provengono dalla collezione di Rose-Walters (stima collettiva, 28 milioni) è presente anche un altro importante Picasso intitolato La Lampe. Realizzato nel 1931, è offerto a 25-35 milioni. I lavori del maestro spagnolo in catalogo sono 14. Veniamo a Sotheby’s. La sua Evening Sale del 12 novembre presenta opere dei principali artisti del XIX e XX secolo. Un catalogo da perdere il fiato. Dove oltre a Monet, si annoverano Vlaminck, Miró, Magritte e lavori recentemente riscoperti di Renoir, Morandi e Rembrandt Bugatti. Ci saranno anche alcune opere parte d’una collezione privata, titolata Il trionfo del colore. Tra i quali spiccano 3 capolavori di Wassily Kandinsky. Il gruppo è guidato da un dipinto del 1913, l’ultimo in mani private, offerto a 22-35 milioni. Straordinario il capolavoro astratto, Improvisation auf Mahagoni, dipinto nel 1910, alla fine del periodo di Murnau, che quota 15-20 milioni. L’ultimo Kandinsky della raccolta fu dipinto nel 1939 e stima 18-25 milioni. In totale le 33 le opere in catalogo provenienti da questa raccolta hanno una stima che supera i 90 milioni. Non resta che aspettare per capire come reagirà il mercato.

9 novembre 2018 (modifica il 9 novembre 2018 | 08:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *