Shakira e Piquè nei guai col Fisco: “colpa” del parrucchiere


Tutta colpa del parrucchiere. E non solo di lui. Scricchiola sotto i colpi del Fisco spagnolo la coppia Shakira (41 anni)-Piqu (31 anni), tanto che la cantante colombiana starebbe pensando di tornare a risiedere fuori dalla Spagna, forse (formalmente) alle Bahamas dove risiedeva (fiscalmente) in passato.

Tasse

Venerd 14 dicembre la procura spagnola ha presentato presso il tribunale di Esplugues de Llobregat, le prove di una presunta evasione fiscale chiedendo l’apertura di una procedura formale e il versamento da parte della cantante di una cifra pari a 19,4 milioni di euro a scopo cautelativo. L’artista, che secondo quanto dichiarato dal suo ufficio stampa non avrebbe avuto ancora comunicazione formale da parte delle autorit, sarebbe accusata di sei diversi reati per frode fiscale e utilizzo illecito di societ in paradisi fiscali allo scopo di eludere le tasse dovute al Fisco spagnolo. Interrogato sulla possibilit che la cantante colombiana abbandoni la Spagna l’ufficio stampa ha risposto: Ci occupiamo solo del caso relativo all’accusa e non di questioni legate alla sua vita personale. Non possiamo rispondere. Lo stesso Piqu per apparso scuro in volto alla cena di Natale del Barcellona del 19 dicembre a cui Shakira non ha partecipato. Recentemente Shakira aveva dichiarato di aver pagato fino all’ultimo centesimo di tasse arretrate avendo corrisposto un totale di 34,5 milioni di euro per regolarizzare la sua posizione in Spagna a partire dal 2012.

Le accuse

Ma il Fisco spagnolo contesta alla cantante la residenza in Spagna fin dal 2011 e non dal 2015 come sostenuto ancora oggi dalla cantante. Shakira avrebbe pagato tasse in Spagna dal 2012 al 2014 per 14,5 milioni di euro, (il 2011 coperto dalla prescrizione), ma la cifra non ritenuta congrua dal Fisco spagnolo. Ma come sarebbe arrivato il Fisco a scoprire la residenza non dichiarata? Una delle prove schiaccianti sarebbero state le visite molto frequenti dal suo parrucchiere di fiducia di Barcellona (celebre tra l’altro per essere lo stesso dell’infanta Cristina e che per questo motivo poteva essere stato tenuto d’occhio dal governo).
Ora sar il tribunale a decidere un eventuale rinvio a giudizio per i presunti reati commessi. Cosa che comporterebbe in caso di condanna, anni di carcere e pesanti multe. Ma l’atteggiamento del Fisco avrebbe fatto riflettere la cantante sulla possibilit di cambiar aria. Lasciando almeno formalmente la Spagna e la citt in cui vive con il compagno per ora ancora legato calcisticamente al Barcellona.

22 dicembre 2018 (modifica il 22 dicembre 2018 | 11:26)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *