Serie A: Milano non conosce la sconfitta, ko anche Brescia


Milano non si fa intenerire dallo spirito natalizio e sbrana 87-75 anche Brescia (priva di Luca Vitali) rimanendo imbattuta dopo 12 turni. Nel giorno in cui la stella James produce solo 3 punti perché resta in campo solo 17’, Pianigiani plaude all’affidabilità di Jerrells che dopo le perle di OAKA contro il Panathinaikos produce un’altra gara intensa. L’eroe a sorpresa però è Tarczewski che smaschera con facilità i problemi sotto canestro della Leonessa. L’Armani risparmia Nedovic e Gudaitis ma non James che, come spesso gli succede, inizia la gara mettendosi al servizio degli altri, in particolare di Tarczewski. Con 10 punti del centro e 5 assist del play, l’Olimpia decolla sul +9 (28-19) senza riuscire a confezionare una vera fuga. Brescia si aggrappa a Zerini, ai rimbalzi offensivi (7 nel quarto) e ad alcuni lampi di zona per tornare in carreggiata a inizio secondo quarto (35-34) ma va all’intervallo lungo con 6 punti da recuperare (46-40). I due referenti offensivi della Germani sono Cunningham e Laquintana (36 punti in due alla fine) che organizzano l’ultima vera resistenza (56-54) prima dell’accelerazione definitiva dell’Olimpia targata Jerrells (miglior prestazione stagionale con 19 punti). Nell’ultimo quarto ci pensa Tarczewski a far valere il suo strapotere fisico nel pitturato completando la sua gara ai confini della perfezione: massimo in carriera da 23 punti con soli 2 errori su 12 tentativi. Pur tirando con 1/13 dall’arco nel secondo tempo l’Olimpia colleziona il dodicesimo successo e sale con il sorriso sul volo per Tel Aviv dove giovedì gioca l’ultima e importantissima gara dell’andata di Eurolega.

Continua la crisi senza fine di Cantù che crolla 89-71 a Varese e incassa l’ottava sconfitta consecutiva. La squadra di Caja indirizza il match già in un primo quarto inappuntabile dal punto di vista offensivo: 37 punti segnati con 2/4 da 2 e 8/11 da 3. Il protagonista assoluto è Scrubb che nei primi 10’ segna 18 dei suoi 27 punti con 6 triple realizzate su 6 tentativi. Dopo aver toccato il +21 a inizio secondo periodo, l’Openjobmetis conserva un cuscinetto confortante fino alla fine e ottiene la quinta vittoria nelle ultime 6 giornate ipotecando la qualificazione alla Coppa Italia.

Nella gara serale Bologna vince 81-69 il derby contro Reggio Emilia, al sesto ko negli ultimi 7 turni. Taylor trascina la Virtus con 19 punti e 8 assist ma nel finale è decisivo Punter, autore di 21 punti: Reggio Emilia completa una lunga rimonta con la tripla di Allen (18 punti) a 1’54’’ dalla sirena (67-67) ma a quel punto si scatena il numero 0 che infila 8 punti consecutivi e incendia il 14-2 conclusivo con cui i bianconeri scacciano i venti di crisi.

Oggi il 12° turno si completa con le altre 5 partite: Venezia ospita la neopromossa Trieste che arriva al Taliercio con l’entusiasmo a mille dopo aver conquistato 8 degli ultimi 10 punti disponibili.

26 dicembre 2018 (modifica il 26 dicembre 2018 | 08:14)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *