Sequestrati appartamenti e palazzine a tre prestanomi del boss Fucito –


Beni immobili per circa 400mila euro, una palazzina di tre piani, tre appartamenti per un totale di 17 vani sul viale Europa di Mondragone e un appartamento di 6 vani in via Tasso a Crispano, nel Napoletano, sono stati sequestrati dai carabinieri a tre parenti di Pasquale Fucito, ritenuto esponente di spicco del clan Sautto-Ciccarelli, attivo tra Caivano e zone limitrofe.

Il provvedimento di sequestro emesso dal gip su richiesta della Dda di Napoli, riguarda Francesco Salvati, Domenico Iaccarino e Vittoria Serulo, tutti legati da vincoli di parentela con Fucito, già destinatario di una ordinanza di custodia cautelare perché ritenuto responsabile del reato di intestazione fittizia aggravato da finalità mafiose e di reimpiego di capitali illeciti aggravati da finalità mafiose.

Secondo le indagini, le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia e il provvedimento del giudice, Fucito ha acquistato gli immobili sequestrati grazie a denaro di provenienza illecita, intestandoli poi ai suoi parenti. Il primo indizio che hanno portato gli inquirenti a scoprire i prestanome è stata la sproporzione tra redditi degli indagati e il costo degli immobili.


Martedì 30 Ottobre 2018, 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *