San Paolo, sopralluogo per i lavori Nuovi sediolini durante pause della A –


«Poi – ha proseguito De Luca – abbiamo visto il sottofondo realizzato con la pista d’atletica e i bagni nuovi. Abbiamo realizzato una parte degli impianti molto funzionali, civili, e poi proseguiremo con il cambio dei sediolini. Siamo molto contenti e credo che saremo in grado di ospitare le Universiadi in un contesto di grande bellezza e di grande valorizzazione per Napoli e per tutti quanti noi». Con De Luca c’era anche Aurelio De Laurentiis: «Il presidente era pienamente soddisfatto per un impianto di grande qualità. Per le partite di Champions e per le Universiadi – ha concluso – avevamo il dovere di fare interventi che consentissero all’impianto di fare il salto di qualità e mi pare che ci stiamo riuscendo».

Il patron. Giudizio positivo sul nuovo impianto di illuminazione del San Paolo da parte del presidente del Napoli De Laurentiis al termine del sopralluogo effettuato nel pomeriggio. Restano tuttavia le perplessità sullo stadio. «Abbiamo visto – ha detto il patron uscendo dallo stadio – il nuovo impianto di illuminazione, integrato da quello tradizionale che sarà utilizzato per la pista, mentre quello a led sarà utilizzato per le partite. Chi l’ha messo in opera sostiene che è addirittura sovrastrutturato rispetto ai parametri richiesti dall’Uefa. Dal punto di vista tecnico – ha sottolineato – siamo a posto. Il problema è che lo stadio è fatiscente e che tutti questi tanti milioni, purtroppo, da un punto di vista estetico e dell’accoglienza non si vedranno».

Il commissario. «L’impianto di illuminazione completamente rinnovato è uno ‘step’ importante, stiamo lavorando sui bagni, sull’impianto audio-video e a breve passeremo anche ai sediolini». È il commissario per le Universiadi di Napoli Gianluca Basile a illustrare l’agenda dei lavori in programma allo stadio San Paolo. Sarà proprio l’impianto partenopeo – oggetto di restyling – a ospitare la cerimonia inaugurale della manifestazione a luglio prossimo. «Il San Paolo sarà l’impianto principe – ammette il commissario al termine del sopralluogo di oggi con il patron del Napoli De Laurentiis e il governatore della Campania De Luca – ed è quello che dispone di più fondi per essere rinnovato».

Quanto alla tempistica per il rifacimento dei sediolini l’impegno è di non intralciare il calendario del Napoli. «Stiamo lavorando in accordo con il Comune di Napoli che ha fatto la progettazione – ha detto all’uscita dallo stadio – e col Calcio Napoli per organizzare il cronoprogramma in modo da limitare le interferenze con la stagione agonistica del Calcio Napoli. Stiamo facendo già delle prove – ha precisato – ma i lavori veri e propri cominceranno a gennaio sfruttando la pausa invernale del campionato e quella in Champions e poi riprenderanno in maniera importante dal 20 maggio».


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *