Rugby, gli All Blacks hanno un piano per farci ancora più male del solito


Gli All Blacks hanno un problema, e questa è una pessima notizia per l’Italia. Sabato scorso hanno perso con l’Irlanda e, come capita regolarmente dopo ogni (rarissima) sconfitta, sono scattati tutti gli allarmi. È stato il secondo k.o. del 2018 quello di Dublino — il primo a settembre col Sudafrica —, e non gli capitava da 7 anni di perdere due volte in 12 mesi. Ansiosi e perfezionisti come sono, hanno immediatamente ripassato il programma della Coppa del Mondo, che si giocherà tra meno di un anno in Giappone, e constatato che, dovessero arrivare secondi nel girone nel quale, oltre agli azzurri, ci sono i sudafricani, troverebbero gli irlandesi ai quarti e le cose potrebbero mettersi molto male. Cosa c’entra l’Italia con tutto questo? C’entra, perché da adesso alla Coppa del Mondo gli azzurri sono l’unica squadra europea nell’agenda dei neozelandesi. Rispetto al sud del mondo, in Europa si gioca su ritmi più bassi, la mischia è più importante, i muscoli e la tattica pure. Quindi la sfida di oggi con gli azzurri sarà una specie di prova generale. Considerato poi che l’Italia fatica a reggere 80 minuti, per avere risposte attendibili gli All Blacks intendono partire sparati, aggredire e segnare subito, prima che la resistenza dell’Italia si affievolisca.

«Sarà emozionante affrontarli, come sempre» ha detto ieri Leonardo Ghiraldini, capitano in questi match di novembre per l’assenza di Sergio Parisse. Ma sarà anche molto complicato. Rispetto a Dublino, il c.t. Steve Hansen, l’ex poliziotto che da ragazzo sognava di fare il fantino, ha cambiato molto, ma ha confermato gli uomini-chiave: il capitano Kieran Read, il playmaker Beauden Barrett e il contrattaccante più pericoloso, Damian McKenzie. Di esordienti non c’è traccia e i meno collaudati sono Jordie Barrett e Vaea Fifita, che indosseranno la maglia nera per la nona volta.

Insomma, non ci sarà nulla di facile per gli azzurri che contro l’Australia hanno dato buoni segnali ma confermato anche di avere difficoltà a trasformare il lavoro in punti. Il c.t. Conor O’Shea, alla fine, ha scritto la lettera al capo degli arbitro per lamentarsi dei fischi del francese Pascal Gauzere. E Alain Rolland, il numero 1, ha risposto con una sola parola, «Sorry», scusateci. Sapendo benissimo che con gli All Blacks l’arbitro, l’irlandese Andrew Brace, non sarà un fattore.

La nostra grande speranza non sarà la pioggia, ma la stanchezza degli All Blacks, che hanno propositi bellicosi ma giocano anche l’ultima partita della stagione. È però una speranza flebile. Per una serie di ragioni, l’immagine per esempio, che fa poi crescere i fatturati, i neozelandesi non prendono nulla sottogamba. Per di più sono molto contrariati per le botte di Dublino. Non basterà per vedere la Kapa o Pango, la Haka più truculenta riservata agli avversari e alle occasioni più importanti. Per l’Italia andrà benissimo la classica Ka Mate. Ma comunque vada, non dovrebbe essere difficile per gli azzurri fare meglio di due anni fa, quando all’Olimpico persero 68-10.

23 novembre 2018 (modifica il 23 novembre 2018 | 21:57)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *