Ronaldo, la Uefa lo grazia: se la cava con una multa di 20 mila euro


Sul campo ha vinto Cristiano Ronaldo, mentre alla disciplinare Uefa la sfida con El Cholo Simeone finisce in pareggio: il portoghese stato multato di 20 mila euro come l’allenatore dell’Atletico Madrid per il gestaccio degli attributi a fine partita allo Stadium. Cristiano ha imitato a modo suo la provocazione del Cholo dopo il 2-0 dell’andata, sull’onda dell’adrenalina per la fenomenale tripletta che ha regalato la qualificazione ai bianconeri: il suo gesto, smaccato e non certo meno volgare di quello dell’avversario, per era indirizzato alla curva che ospitava i tifosi dell’Atletico, come testimoniato da diverse fotografie e riprese video, rilanciate prontamente dai media spagnoli il giorno dopo la gara.

Ronaldo per ha evitato fin da subito l’accusa di provocazioni ai tifosi (articolo 15 del codice di disciplina della Uefa) ed stato giudicato su due commi dell’articolo 11, b e d: il primo riguarda la violazione delle regole base della condotta ed lo stesso che stato contestato a Simeone. Il secondo invece non era presente nell’accusa all’allenatore e riguarda il discredito portato al calcio e alla Uefa in particolare. La squalifica era un’ipotesi, per quanto remota. Ma il portoghese se l’ cavata con una ammenda. E sar al suo posto nell’andata dei quarti di finale, ad Amsterdam contro l’Ajax il 10 aprile.

21 marzo 2019 (modifica il 21 marzo 2019 | 16:01)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *