riforma subito o salta tutto –


«I soldi ci sono. E se lo spread scende ancora siamo a
cavallo». Allo scontro Giorgetti-Di Maio a Palazzo Chigi si
cerca di non dare peso. Tantomeno il premier Conte che però,
dopo essere intervenuto da Tunisi sulla questione, appena torna a
Roma chiama Giorgetti nella sua stanza. D’altra parte le
difficoltà di cui parla il sottosegretario leghista
nell’attuazione del reddito di cittadinanza sono note,
«forse un po’ datate», sostengono a palazzo Chigi.
«Tutte di natura tecnica», aggiungono, ma sottolinearle
agita l’alleato. Noto anche il ragionamento che anche il
premier ha ripetuto più volte. Ovvero che per attuare la
riforma occorre avviare i centri per l’impiego e, soprattutto,
mettere in essere delle misure di controllo che impediscano gli
abusi.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO

Se sei già un cliente accedi con le tue credenziali:



Sabato 3 Novembre 2018, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *