Presunto stupro di Ronaldo, nuove accuse: «Date due versioni diverse»


Il magazine tedesco Der Spiegel torna ad attaccare Cristiano Ronaldo per il caso del presunto stupro ai danni di Kathryn Mayorga, la (oggi) 34enne americana che nel 2009 lo denunciò dopo un incontro a Las Vegas.

Secondo la rivista tedesca, infatti, in altri documenti esisterebbero due questionari cui l’attaccante portoghese, oggi alla Juventus, aveva risposto in modo sensibilmente diverso nel giro di quattro mesi (agosto e dicembre 2009): lo confermerebbero alcune mail tra i legali del bomber (ma il suo staff ritiene che invece parti significative dei documenti siano state manipolate).

Der Spiegel racconta di un documento PDF di 41 pagine intitolato «Domande per il cliente», inviato dallo studio Lavely & Singer all’avvocato portoghese Carlos Osório de Castro, che difende CR7. Questo documento sarebbe stato inviato una prima volta il 3 agosto di quell’anno, e una seconda il 24 dicembre. Le domande contenute sarebbero identiche, ma le risposte no. Ad esempio, alla domanda «Che cosa è stato detto da te e cosa è stato detto dalla signora C» la prima risposta di «X», cioè Cristiano Ronaldo, sarebbe stata «Ha detto che non era appropriato fare sesso, dato che ci eravamo appena incontrati. Ma anche così, ha afferrato il mio…», mentre nella seconda sarebbe stato «C ha afferrato il mio…», e anche altre domande sostanziali sposterebbero il peso della vicenda.

Per esempio, a «La signora C ha mai alzato la voce o urlato?», la prima versione sarebbe «Ha detto di no e si è fermata diverse volte», la seconda un laconico «No». Stessa breve risposta per «La signora C ha detto qualcosa dopo aver avuto dei rapporti sessuali?», ma sarebbe stata preceduta, invece, da un «Dopo lei disse: “Stronzo, mi hai costretto, idiota, non sono come gli altri”. E io ho detto: “Mi dispiace…”».

30 novembre 2018 (modifica il 30 novembre 2018 | 23:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *