Popolare Vicenza, la rivincita postuma del re della grappa Nardini su Zonin


Rivincita postuma del re della grappa, Giuseppe Nardini, nei confronti del re del vino, Gianni Zonin, che nel 1996 lo defenestr dalla carica di presidente della Banca Popolare di Vicenza prendendone il posto. La storia si intravede in controluce dietro una sentenza della Cassazione, pubblicata da poco e quasi fotocopia di quella che invece riguarda Matteo Vigolo, sposo di Giuseppe Zigliotto, ex consigliere della banca ed ex presidente degli industriali di Vicenza. Presupposti analoghi ma vicende diverse.

La tenuta in Toscana della moglie di Zonin
Il caso Nardini-Zonin: alla Suprema Corte si era rivolta Silvana Zuffellato, moglie di Zonin, per ottenere il dissequestro del 2% della Tenuta Rocca di Montemassi gi sua al 98%. Quella piccola quota residua le era stata ceduta dal marito (imputato di aggiotaggio, falso in prospetto, ostacolo alla Vigilanza) quando tra la fine del 2015 e il 2016 con le inchieste che incalzavano, l’ex banchiere si liber con sospetta tempestivit di gran parte del patrimonio personale a favore dei suoi familiari.

Il sequestro
Dopo vari provvedimenti preventivi della magistratura, a luglio dell’anno scorso il Gup del Tribunale di Vicenza ha disposto il sequestro conservativo su una serie di asset patrimoniali di Zonin e altri imputati, compreso quel minuscolo 2%, “a tutela – scrive la Cassazione – delle pretese risarcitorie nei confronti di Zonin” di due parti civili. Chi? Cristina e Francesca Nardini.

Le sorelle e il risarcimento
Ovvero le figlie ed eredi di Giuseppe Nardini, scomparso nell’aprile del 2018 a Bassano del Grappa, dov’era nato 91 anni prima. Prima di andarsene, il re della grappa, come potenziale risarcimento per i 306.625 euro “bruciati” in azioni della banca, sue e della moglie, aveva chiesto un sequestro cautelare sui beni degli indagati. Tra questi anche la partecipazione nella Tenuta di Montemassi, la splendida propriet toscana di 430 ettari (180 a vigna) orgoglio e rifugio di Gianni Zonin che la acquist nel 1999.

Quando Zonin detronizz Nardini
Zonin, tre anni dopo aver conquistato la leadership della Popolare Vicenza, in una tempestosa assemblea, cavalcando la “vicentinit”, detronizz brutalmente il distillatore Nardini, pronto invece ad alleanze e fusioni con altre banche. Il caso Vigolo-Zigliotto speculare anche se le Nardini qui non c’entrano.

Il consigliere e la donazione allo sposo
La questione sollevata da Vigolo, compagno e poi sposo dell’ex consigliere, riguarda invece i beni mobili e immobili che gli aveva donato Zigliotto o che erano stati conferiti in un fondo patrimoniale. Anche qui la Cassazione ha messo la parola fine: sequestro legittimo.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *