poker Cittadella al Livorno. Vittorie anche per Carpi e Foggia –


ROMA – Nel sabato dedicato al 32° turno del campionato di Serie B vincono tutte le squadre che giocano in casa. Poker del Cittadella al Livorno. Il Carpi vince in rimonta contro il Padova per 2-1 ed infine la rete di Iemmello dedice la sfida Foggia-Spezia.

POKER CITTADELLA – La partita si accende al 19′ quando l’esperto difensore livornese Dainelli si fa rubare ingenuamente il pallone al limite dell’area da Moncini che serve Schenetti; il centrocampista dei veneti, da buona posizione, tenta la botta di prima intenzione ma colpisce il palo. Il numero 7 granata ci riprova più tardi, al 34′, ma nonostante la buona posizione non riesce ad inquadrare lo specchio di porta difeso da Zima. I padroni di casa spingono e al 38′ arriva il meritato vantaggio con Mattia Finotto bravissimo a sfruttare il bel assist di tacco di Settembrini. La risposta del Livorno è sui piede di Di Gennaro che sugli sviluppi di un calcio di punizione centra la traversa. La ripresa inizia con gli ospiti che rimangono in 10 per l’espulsione ingenua di Porcino reo di aver mandato a quel paese l’arbitro dopo l’ammonizione per fallo su Ghiringhelli. La ripresa inizia con gli ospiti che rimangono in 10 per l’espulsione ingenua di Porcino reo di aver mandato a quel paese l’arbitro dopo l’ammonizione per fallo su Ghiringhelli.  I padroni di casa sfruttano nel migliore dei modi la superiorità con l’uno due mortifero arrivato nel giro di sessanta secondi con le reti, praticamente identiche, di Schenetti e Moncini. Al 78′ il centravanti del Cittadella firma la doppietta personale dagli undici metri per il definitivo 4-0. Il Cittadella con questa vittoria vola a quota 45, in piena zona playoff mentre i toscani, al terzo ko consecutivo, restano fermi al quindicesimo posto con 30 punti, in piena zona playout.

Cittadella-Livorno: statistiche e curiosità

RE PIETRO DECISIVO – Allo stadio Zaccheria nei primi quarantacinque minuti di gioco domina la compagine pugliese che non riesce però ad impensierire seriamente il portiere ospite. Ci provano dalla distanza capitan Agnelli al 15′ e Kragl su punizione sul finale di tempo ma Lamanna in quest’ultima occasione è bravo a rifugiarsi in corner. La ripresa segue il copione del primo tempo con il pallino del gioco sempre in mano ai rossoneri che con Deli vanno vicini al vantaggio su schema d’angolo ma il portiere spezzino è bravo a non farsi sorprendere. La prima azione pericolosa dello Spezia arriva addirittura all’80’ con Ligi che rischia di segnare con Leali che aiutato dalla traversa si rifugia in corner. Dagli sviluppi del calcio d’angolo Okereke trova la rete che sblocca il match ma l’arbitro annulla per fuorigioco del centravanti spezzino. Dopo lo scampato pericolo il Foggia trova il vantaggio con Pietro Iemmello, entrato nella ripresa, che non segnava in casa da Dicembre. Il numero 9 rossonero è bravo all’84’ a sfuggire alla marcatura di Capradossi e siglare praticamente a pochi centimetri l’1-0. Con questo successo il Foggia si porta a quota 30 al quindicesimo posto, a -3 dal Crotone.

Foggia-Spezia, tabellino e statistiche

RIMONTA CARPI – Primo tempo vibrante al Sandro Cabassi con i veneti che trovano il vantaggio al 12′ grazie agli ex di turno Lollo e Mbakogu con quest’ultimo che supera con un bel diagonale Piscitelli. I padroni di casa subiscono il colpo e rischiano di subire il raddoppio ma il gol di Baraye è annullato per fuorigioco attivo di Mbakogu. Un minuto più tardi è l’attaccante nigeriano ad avere la chance di raddoppiare ma Piscitelli tiene in vita i suoi. Il Carpi si sveglia nella seconda parte della prima frazione e va vicino al pari prima con la botta della distanza di Concas e poi con il colpo di testa di Arrighini neutralizzato con qualche difficoltà da Minelli. Sul tramonto della prima frazione il portiere dei falconi si rende protagonista di due splendide parate salva risultato. E al 42′ con una botta da fuori Fabio Concas pareggia i conti. La ripresa inizia con gli stessi ritmi alti della prima frazione ma sono sempre i veneti ad essere più pericolosi. Al 62′ ci prova Lollo di testa ma il suo tiro si spegne di poco a lato. Sessanta secondi dopo Piscitelli si esalta con un triplo intervento che tiene a galla i suoi: prima su Mbakogu, poi sulla botta da fuori di Pulzetti, ed infine sulla girata ravvicinata di Baraye. Gol mangiati, gol subito. È il 78′ quando Arrighini, che non segnava in casa da settembre davanti ai propri tifosi, manda in estasi il Cabassi con il piatto destro che supera Minelli per il 2-1 Carpi.

Carpi-Padova: tabellino e statistiche


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *