Piercing al naso e self control, il fenomeno Egonu è l’asso nella manica del volley azzurro


Un oro mondiale lei lo ha gi vinto, tre anni fa. Era l’Under 18 ma rende l’ idea. Piercing al naso, fascia bianca da tennista sulla fronte, matita azzurra sotto gli occhi. Paola Egonu ha il fisico di una pantera dagli occhi imperturbabili. Sulla vittoria dell’Italia contro il Giappone – un tie break al cardiopalma che valso un posto straordinario in semifinale – c’ molto del suo talento. Sono contentissima, non ci siamo mai date per vinte. il nostro momento, ce lo meritiamo. Questo Mondiale la sua consacrazione. Braccio svelto e tenuta mentale impressionante.

Carattere e variet di colpi, 190 cm di potenza (addirittura una schiacciata a 99 km/h). E dire che Paola ha solo un anno di club vero alle spalle. Solo una finale scudetto giocata. Solo 19 anni compiuti. Ma, senza di lei, ieri le azzurre probabilmente non avrebbero vinto. Nata in provincia di Padova da genitori nigeriani, alle sue origini ha sempre tenuto moltissimo: Una cosa non esclude l’altra: quello che mi d fastidio la discriminazione da parte delle persone potenti. la miglior realizzatrice del Mondiale (218 palloni messi a terra), contro il Giappone ne ha chiusi 36. Ma niente di nuovo. Due anni fa, con la maglia del Club Italia, ha stracciato tutti i record: quello di punti in una partita, 46. E quello di punti in una stagione, 553. E quest’anno a Novara stata la seconda miglior marcatrice del campionato, conquistando i primi trofei in carriera: Supercoppa e Coppa Italia. Adora i muffin al cioccolato e dice di s: Essere normale noioso. Meglio essere speciali. Cos quattro anni dopo, l’Italia ancora tra le migliori squadre del mondo. La quarta volta nella storia della pallavolo femminile (nel 2002, 2006, 2014 e 2018).

Nelle tre precedenti arrivata a medaglia solo nel 2002, quando Togut, Lo Bianco e Piccinini si sono messe al collo l’oro. Ere sportive fa. A Yokohama, venerd, c’ la sensazione che chiunque sar l’avversaria, le azzurre venderanno cara la pelle. Saranno Italia, Cina, Olanda e Serbia a giocare per le medaglie. Gli accoppiamenti di semifinale per si sapranno solo al termine dell’ultima giornata, oggi. L’Italia affronter la Serbia per il primato nel girone. La Cina far lo stesso con l’Olanda. Gli scontri valgono solo in quest’ ottica. In una formula che non ha eguali nello sport, dove per arrivare a vincere un Mondiale devi giocare 13 partite, non va bene. Con il Giappone arrivata la decima vittoria su dieci partite. Difficilissima a livello emotivo. Sapere che era una grande occasione ci ha giocato un brutto scherzo – commenta il c.t. Mazzanti -. Credo che il timore che questa occasione venisse sciupata non ci ha fatto esprimere come nelle partite precedenti. La paura di perdere qualcosa di importante ha fatto capire alle ragazze che di quella paura non ci facciamo niente. E anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella le applaude: Un grazie alle azzurre della pallavolo, stanno conducendo uno strepitoso Mondiale. L’Italia con voi.

16 ottobre 2018 (modifica il 16 ottobre 2018 | 11:51)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *