Piazza Affari e spread quasi piatti, vince il timore per l’economia globale


Praticamente stabile lo spread che balla intorno a 268 punti (venerd erano poco pi di 269), mentre Piazza Affari apre in leggero ribasso (-0,23%), al pari di Parigi e Francoforte, in rosso di mezzo punto. La differenza di rendimento tra il Bund e il Btp decennale prova quindi a stringersi, indicando un’attesa dei mercati, lontano per dall’entusiasmo, sull’accordo per la manovra raggiunto tra le varie anime del governo italiano, di cui non si conoscono ancora bene i particolari. L’apertura di una procedura di infrazione a carico del nostro paese non ancora del tutto scongiurata e tutto di giocher nelle prossime ora. Sul fronte borsistico, invece, l’assenza di slancio dipende dall’incertezza delle vicende politiche domestiche ma ci accomuna anche alle altre Borse del Vecchio Continente, paralizzate dai timori globali per il rallentamento economico. Secondo il report diramato dalla Banca dei Regolamenti Internazionali (Bri), le recenti tensioni di mercato indicano che maggiori turbolenze sono in arrivo. La banca delle banche centrali ha inoltre avvertito che il processo di normalizzazione della politica monetaria scatener probabilmente un flusso di forti sell off nel breve termine. A questo proposito, verranno seguite con attenzione le dichiarazioni di Jerome Powell, numero uno della Fed, in occasione della riunione di questa settimana.

17 dicembre 2018 (modifica il 17 dicembre 2018 | 09:35)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *