Peter Sollett dirigerà il film di Warner Bros. –


Milioni di mondi sono stati creati con Minecraft e ora il popolare videogame diventerà un film. Da tempo si parla di un lungometraggio d’animazione ispirato al videogioco ma l’annuncio è ufficiale: sarà Warner Bros. a produrre il film con Mojang, la società svedese ideatrice del gioco che conta oltre 100 milioni di giocatori in tutto il mondo (acquisita da Microsoft nel 2014). E, rivela Variety, sarà Peter Sollett a scrivere e dirigere l’avventura del mondo a blocchetti sul grande schermo.

Minecraft ha ispirato romanzi, più o meno autorizzati da Mojang, e ha fatto fugaci apparizioni al cinema: la schermata iniziale del videogame appare in Ready Player One di Steven Spielberg e in Wonder una partita online giocata dal giovane protagonista Auggie è decisiva nello sviluppo della vicenda. Ma soprattutto il videogioco ha generato un numero impressionante di video su YouTube dove si trova di tutto, parodie, invenzioni, storielle e suggerimenti per la costruzione di nuovi elementi. Nella versione cinematografica al centro della storia ci sarà una teenager che formerà una compagnia per salvare il meraviglioso e sconfinato Overworld minacciato dal malvagio drago Ender intenzionato a distruggerlo.

La Warner lavora al progetto dal 2014, quando si è aggiudicata i diritti del franchise, coinvolgendo diversi talenti, tra cui Shawn Levy e Rob McElhenney che dovevano dirigerlo, oltre a Steve Carell che avrebbe avuto un ruolo nel film, ma l’organizzazione si è fermata allo stadio iniziale. Lo studio però è consapevole della potenzialità di un marchio globale come Minecraft e ha affidato a Sollett l’incarico di trasformarlo in un film che sarà prodotto da da Vertigo, Roy Lee e Jon Berg insieme a Mojang, Jon Spaihts sarà produttore esecutivo.

Per Peter Sollett si tratta della sua prima produzione ad alto budget: finora ha diretto Nick&Norah: tutto in una notte (2008) e Freeheld, presentato alla Festa del Cinema di Roma nel 2015. Ma è noto soprattutto per il suo lungometraggio d’esordio Long Way Home (Raising Victor Vargas), un film indipendente girato nel 2002 che racconta di un gruppo di teenager a New York acclamato dalla critica e che ha fatto il giro dei festival, a cominciare da Cannes.

 

La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *