Pensioni, ossessione quota 100 e zero piani per i giovani L’Economia domani gratis


Non si fa altro che parlare di quota 100, mentre la previdenza di domani, quella bisognosa di lungimiranti piani per aiutare i giovani fin da ora a costruirsi un futuro con molte meno certezze di quelle che si sono avute fino ad ora, non interessa a nessuno. O quasi. Ferruccio de Bortoli nelle prime pagine de L’Economia in edicola domani con il Corriere della Sera ricorda che sono in arrivo grandi cambiamenti a livello europeo con il debutto atteso nel 2020 dei Pepp, i piani pensionistici portabili da un Paese all’altro e acquistabili in Rete. Ma il nostro dibattito pubblico distante anni luce da questi argomenti. In Italia l’adesione ai fondi pensione di categoria o privati riguarda solo tre milioni di lavoratori su 15. E solo il 2% dei pochi iscritti ha meno di 25 anni. Distratti dalle false praterie di quota 100, rischiamo di arrivare, ancora una volta, impreparati a un cambio di paradigma. In gioco c’ il futuro, specie dei giovani, e l’impiego dei nostri risparmi. Ma non ne parliamo, scrive de Bortoli.

Dalle pensioni al Fisco. Si avvicina il tempo della dichiarazione dei redditi e d Ernesto Maria Ruffini ci ricorda che l’invocata riforma del sistema verso la tassa piatta passa per la revisione (e il taglio) delle circa 90 detrazioni e deduzioni esistenti. Un meccanismo uguale per tutti, senza distinzioni, sarebbe certo pi semplice, ma legalizzerebbe l’evasione salvando chi gi non paga.

Sul fronte delle banche al via l’inedita alleanza tra Fintech e tradizione. I protagonisti sono Oval e Intesa Sanpaolo. Ai nastri di partenza c’ Oval Pay, una carta completamente digitalizzata, e un nuovo prodotto di investimento, TassoFisso, che garantisce un rendimento annuo netto del 2 per cento.

Alla vigilia del Salone del Mobile, dopo aver chiuso quello del Risparmio al MiCo col record storico di 15.70o visitatori, Milano un luogo geografico che lega tre storie diverse di Made in Italy. La prima quella delle Pelletterie Fontana Milano 1915, l’azienda che produce e vende tutto nel quartier generale di Porta Romana. Poi ci sono Yamamay e Fiasconaro, in pista per aprire spazi innovativi sotto il Duomo. Gianluigi Cimmino (il volto della nostra copertina) offrir caff e i consigli di un chat-Bot nel megastore di Piazza Cordusio che diventer il laboratorio per l’integrazione tra canali digitali e tradizionali di vendita. Mentre Nicola Fiasconaro, il pasticcere siciliano che ha reinventato il panettone, sata cercando casa nel capoluogo lombardo, dopo aver conquistato i milanesi vendendo online i suoi prodotti da forno creati nelle Madonie.

Tra i personaggi che raccontano storie personali e di impresa, ecco il duello tra i gran capi di Fca e Ford, le due case automobilistiche in cerca di matrimoni d’interesse, e Steve Eisman, il protagonista del best seller, poi diventato un film candidato all’Oscar, La grande scommessa. Secondo il manager non ci sar una nuova recessione perch le banche americane hanno imparato la lezione, mentre altrettanto non si pu dire di quelle europee.

E ancora: le polizze vita che rendono fino al 4%. Viaggio tra le 246 gestioni separate rintracciabili sul nostro mercato. Nessuna tassa di successione, stabilit di rendimenti ma costi spesso elevati. Mentre i Cct vanno alla riscossa, nonostante i tassi a breve restino negativi.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *