Paura di volare per il Leicester: i giocatori andranno in trasferta a Cardiff con l’autobus


Le tragiche circostanze della morte del presidente Vichai Srivaddhanaprabha, precipitato sabato scorso con il suo elicottero all’esterno del King Power Stadium dopo la gara con il West Ham, hanno spinto il Leicester a modificare le modalit della trasferta a Cardiff per la sfida di Premier League in programma sabato.

Inizialmente il trasferimento in Galles era previsto con un volo dall’East Midlands Airport, ma l’idea di salire su un aereo dopo quanto successo all’amato Srivaddhanaprabha e ad altre quattro persone sembrata del tutto inappropriata ad alcuni alti dirigenti del club, che hanno cos espresso le loro perplessit al tecnico Claude Puel e ai giocatori, ottenendo il loro pieno appoggio.

Ne quindi scaturita la decisione collettiva di arrivare a Cardiff via terra, con un viaggio di oltre tre ore (circa 250 km) in pullman e partenza venerd, dopo che, sempre marted, il Leicester aveva annunciato che la partita contro la formazione di Neil Warnock si sarebbe disputata come previsto (la squadra giocher col lutto al braccio e verr osservato un minuto di silenzio in ricordo del presidente scomparso).

Come facilmente intuibile, al Cardiff City Stadium non dovrebbe invece essere presente il vice presidente Aiyawatt Top Srivaddhanaprabha: il figlio del Boss (come veniva affettuosamente chiamato il presidente Vichai) dovrebbe infatti accompagnare la salma del padre in Thailandia per il funerale e potrebbe rientrare a Leicester per la sfida casalinga contro il Burnley del prossimo 10 novembre.

31 ottobre 2018 (modifica il 1 novembre 2018 | 10:11)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *