Party scandalo nella chiesa, Curia di Napoli caccia gli affidatari –


Una lettera della Curia è già arrivata alla
Fondazione Giambattista Vico: l’accordo di convenzione per la
gestione della chiesa di San Gennaro all’Olmo è rescisso
ad horas. La lettera è stata scritta subito dopo
l’esplosione dello scandalo del party horror all’interno
del luogo sacro.
Nella notte di Halloween è stata organizzata una festa a
base di musica e alcol dentro la chiesa dove fu battezzato
Giambattista Vico, nel corso della festa una rappresentazione
teatrale sui martiri della rivoluzione napoletana del 99 è
culminata con una impiccagione messa in scena sull’antico coro
che sovrasta l’altare.

A dare la stura allo scandalo sono state le fotografie scattate nel
corso della serata. Venerdì, prima che venissero oscurate
dal sito degli organizzatori, abbiamo recuperato una parte di
quelle immagini: c’erano ragazze discinte sedute
sull’altare cinquecentesco, si mostrava l’angolo bar
allestito in un lato della chiesa, di fronte all’angolo
destinato ai due dj che si sono alternati nella serata. Immagini
corrette per una discoteca, non per una chiesa, soprattutto se la
chiesa è antichissima e storica.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO

Se sei già un cliente accedi con le tue credenziali:



Domenica 11 Novembre 2018, 09:23 – Ultimo aggiornamento: 11-11-2018 14:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *