Ocse: crescita in rallentamento. E taglia il Pil italiano all’1% nel 2018


La crescita economica globale rimane forte, ma ha superato il suo recente picco e affronta rischi crescenti, inclusa la crescita delle tensioni commerciali e l’insaprimento delle condizioni finanziarie, segnala l’Ocse presentando la nuove edizione dell’Economic Outlook, che vede una revisione al ribasso delle prospettive di crescita mondiali, col Pil globale dato al +3,5% nel 2019 (dal +3,7% di maggio) e al +3,5% anche nel 2020.

L’Ocse rivede al ribasso anche le stime di crescita dell’Italia nel 2018 e 2019. Secondo l’organizzazione il Pil tricolore crescer dell’1% quest’anno e dello 0,9% il prossimo. In Europa ci sono rischi e uno di questi l’Italia, ha detto la capoeconomista dell’Ocse, Laurence Boone, durante la presentazione dell’Economic Outlook 2018 a Parigi. Boone ha evocato, tra l’altro, l’innalzamento dello spread, una situazione che converrebbe scongiurare, anche se l’Ocse ritiene che il rischio di contagio agli altri Paesi sia limitato.

21 novembre 2018 (modifica il 21 novembre 2018 | 11:53)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *