Nuovo San Siro, la capienza sarà ridotta: il rischio è il caro biglietti


Tra le pieghe di quel tema gigantesco che il nuovo San Siro (con l’ipotesi abbattimento dell’attuale stadio fortemente caldeggiata da Inter e Milan, e l’idea ristrutturazione preferita dal sindaco Giuseppe Sala e da un bel po’ di tifosi) c’ anche quello della capienza che dovrebbe avere l’impianto del prossimo futuro. Perch la tendenza dopo l’Allianz Stadium della Juventus (che per ora sta considerando anche gli aspetti negativi della scelta) quello di costruire impianti pi piccoli, in modo che siano sempre pieni, il calore del pubblico arrivi alle squadre e si evitino vuoti sugli spalti tanto brutti per le riprese tv. Ebbene, secondo le indiscrezioni, il nuovo impianto che hanno in mente Inter e Milan avr una capienza di 60mila spettatori circa, una cifra calcolata sulla base dell’affluenza media di spettatori (l’Inter attorno alle 63mila).

San Siro, dai lavori per il secondo anello a Italia 90: la fotostoria
La presentazione
82 volte oltre il taglio

Ma l’affluenza non l’unico dato da considerare. Perch ad ogni stagione — persino le ultime, non esaltanti, delle due milanesi — ci sono diverse partite in cui si supera la fatidica soglia dei 60mila spettatori. Uno studio, condotto da Raffaele Greco, che fa parte dell’Associazione dei piccoli azionisti del Milan, ha messo in evidenza come, dalla stagione 2000-2001, al Milan sia successo 82 volte. Per un totale di 902mila spettatori che, con la nuova capienza, andrebbero irrimediabilmente perduti (per calcolare le affluenze sono stati usati i siti della Lega serie A e, per gli anni pi vecchi, quello di www.stadiapostcards.com: stato comunque previsto un coefficiente di taratura in eccesso e in difetto). E siccome in genere San Siro si riempie per le partite pi importanti e dal maggior fascino, ad andare perduti sarebbero biglietti mediamente cari. Lo studio ha considerato un costo medio di 50 euro: fanno 45 milioni e passa persi in 18 anni, per una media di circa 2,5 milioni di perdita a stagione. Per la stagione scorsa, per esempio, preso a bilancio il ricavo da abbonamenti, stato possibile calcolare il costo medio del biglietto che andrebbe perso: anche in questo caso la perdita complessiva sarebbe di 2,4. Stime, direte voi. Senz’altro, che per hanno buona probabilit di fotografare la situazione.

Il rischio rincaro

Una realt che Inter e Milan hanno gi ampiamente messo in conto. Ma la cui contromisura pu essere una sola: il rincaro dei biglietti (e degli abbonamenti). Una tendenza che si verificata nei nuovi impianti in tutta Europa (e che conoscono assai bene, per esempio, i tifosi dell’Arsenal, che negli anni passati se ne sono molto lamentati con quello che l’attuale ad del Milan Ivan Gazidis). Anche in questo caso la Juventus insegna: con 29.300 abbonati incassa 29,3 milioni, mentre il Milan con oltre 32 mila abbonati solo 9,5 milioni. facile immaginare quindi quale sar la tendenza con un nuovo stadio, a maggior ragione se la capienza sar ridotta. Con il rischio di danneggiare gli spettatori con meno possibilit economiche.

31 marzo 2019 (modifica il 31 marzo 2019 | 16:28)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *