Nuoto, mondiali in vasca corta: giornata segnata dalle «medaglie di legno»


Una giornata segnata dai piazzamenti. Niente medaglie per l’Italia, ma quattro primati nazionali, nella penultima giornata dei campionati mondiali di nuoto in vasca corta di Hangzhou (Cina). Dopo i record stabiliti dalla 4×50 mista uomini (quarta in finale in 1.31”.54) e da Ilaria Cusinato nei 200misti (quinta in 1’06”.17), le ultime due finali di oggi hanno portato il quarto posto nei 100 rana di Martina Carraro, che aveva preso il bronzo nei 50, e un sesto della 4×200 femminile con Federica Pellegrini, con due primati nazionali ritoccati.

Record

La ranista genovese ha fatto segnare il tempo record di 1’04”73, di 12 centesimi più alto rispetto a quello che ha garantito il bronzo all’australiana Hansen. Oro alla giamaicana Atkinson (1’03”51) e argento alla statunitense Meili. Nella staffetta 4x200sl femminile si è imposta la Cina, in 7’34”08, davanti ad Australia e Stati Uniti. Per l’Italia il nuovo record nazionale è di 7’43”18, che migliora il precedente registrato in batteria.

15 dicembre 2018 (modifica il 15 dicembre 2018 | 15:32)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *