Nipote e figlio d’arte, Daniel Maldini e il debutto in azzurro: «Voglio la Nazionale A»


Il 17enne giocherà con la Under 18 contro l’Olanda: «Ma sono un attaccante. I consigli di papà Paolo? Solo di vita» | Corriere Tv
CONTINUA A LEGGERE »

Di nonno, in padre, in figlio: i Maldini arrivano alla terza generazione in Nazionale, con Daniel convocato in Under 18. Il classe 2001, nipote di Cesare e figlio di Paolo, indosserà per la prima volta venerdì 22 la maglia azzurra in occasione dell’amichevole contro l’Olanda allo «Sportpark Nieuw Zuid» di Katwijk. Attaccante della primavera del Milan – difficile pensare ad alternative, vista la storia di famiglia – Daniel commenta ai microfoni della Figc, dal ritiro dell’Acquacetosa: «Sono molto felice di vestire e onorare la maglia azzurra, speriamo un giorno di arrivare in Nazionale A come mio padre e mio nonno. Mio padre mi ha insegnato sempre molto e dato consigli, soprattuto non calcistici ma interiori, come restare sempre umile e coi piedi per terra».
Cesare e Paolo Maldini, difensori da leggenda. Ma Daniel «tradisce» le abitudini di famiglia: «Riguardo al ruolo, io penso più ad attaccare che difendere. Sono un centrocampista offensivo, una mezzapunta. I miei punti di forza sono i pochi tocchi e la visione del gioco prima degli altri, oltre ai calci da fermo»


http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *