Nexi, parte il collocamento, in poche ore la richiesta supera l’offerta


Le previsioni sono state rispettate. Il nulla osta della Consob al prospetto di quotazione in Piazza Affari di Nexi, atteso entro il fine settimana arrivato puntuale nelle prime ore della mattinata di ieri. Strada spianata dunque per l’Ipo (Initial Public Offering) di Nexi la societ specializzata nei pagamenti digitali, ad esempio Pos e carte di credito, partner di 150 istituti bancari. Si tratta della principale operazione di collocamento azionario prevista in Italia (e in Europa) nel corso del 2019. Infatti, in base alla forchetta di prezzo che stata comunicata nei giorni scorsi — compresa tra un minimo di 8,5 e 10,35 euro per azione — il valore della societ al massimo di questo intervallo potrebbe raggiungere gli 8,1 miliardi. L’Offerta ha avuto inizio il 29 marzo, ieri, e terminer il giorno 11 aprile 2019, salvo proroga o chiusura anticipata. La data di avvio delle negoziazioni attualmente prevista per il 16 aprile 2019. Ieri le richieste di azioni avevano gi superato il totale dei titoli offerti. Il libro ordini over-subscribed si legge in una inviata agli investitori L’offerta riservata a investitori istituzionali, ma una volta che la societ sar stata ammessa alle contrattazioni anche i privati potranno acquistare titoli sul mercato secondario. L’operazione strutturata in un aumento di capitale fino a 700 milioni di euro a cui si aggiunge una parte pi consistente di azioni esistenti, per un totale compreso tra 1,9 e 2,2 miliardi. In particolare, la componente di vendita da parte degli azionisti vedr collocare 125 milioni di azioni di Mercury Uk Holdco, il veicolo che controlla Nexi, partecipato dai fondi Bain Capital e Advent (entrambi al 42,5%) e Clessidra sgr (15%), e circa 21 milioni di azioni delle banche socie (Banco Bpm, Banca Popolare di Sondrio, Banca di Cividale, Credito Valtellinese e Iccrea). I fondi hanno concesso un’opzione greenshoe ai joint global coordinators del consorzio di collocamento — Mediobanca, BofA Merrill Lynch, Banca Imi, Credit Suisse, Goldman Sachs — per l’acquisto, al prezzo di offerta, di un numero di azioni corrispondente al 15% di quelle collocate. In caso di integrale esercizio dell’opzione greenshoe, il flottante post-quotazione sar ricompreso tra il 41,5% e il 43,2% del capitale. La societ prevede una politica dei dividendi moderata. Nel primo anno successivo al collocamento Nexi non distribuir gli utili d’esercizio, mentre nel medio periodo prevista una remunerazione degli azionisti (pay-out ratio) pari al 20-30% degli utili realizzati. Nel documento di registrazione, come da prassi, una sezione cospicua — circa settanta pagine — dedicata ai fattori di rischio, che vanno da un elevato indebitamento, a una valutazione generosa sulla base del rapporto prezzo/utili 2018 dei titoli rispetto alle valutazioni espresse dal mercato per i competitor. Rischi che non hanno scoraggiato gli investitori, che, come abbiamo visto, hanno sottoscritto pi titoli di quelli a disposizione.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *