Napoli, Milik e il Rolex rapinato: «Ora comprerò solo orologi di plastica»


Arkadiusz Milik, in fondo, l’ha presa bene: «Vorrà dire che mi comprerò un orologio di plastica», ha raccontato il centravanti del Napoli in un’intervista nel primo episodio di «Prosto w Szczene», programma pubblicato sul canale Youtube del sito polacco «Przeglad Sportowy». Tornando sulla rapina subita nella notte fra il 3 e 4 ottobre dopo la vittoria 2-1 in Champions League contro il Liverpool, quando gli venne rubato un prezioso Rolex modello Cronograph Daytona, il giocatore ha poi puntualizzato: «Non è vero che mi hanno puntato la pistola addosso: è bastato che mi bussassero al vetro della macchina». Una chiara smentita della prima versione girata in città, e cioé che Milik fosse stato minacciato con una pistola.

Con la famiglia

Ospite della trasmissione con Milik era il portiere della Juventus e compagno di nazionale Wojciech Szczęsny, ed è proprio a lui che il giocatore del Napoli ha descritto i dettagli dell’accaduto: «Era appena passata la mezzanotte. Mi hanno bussato al vetro e gli ho consegnato il Rolex. Ero con la mia famiglia, ma anche da solo avrei fatto lo stesso. Napoli è una città normale, anche se c’è molta attenzione per gli orologi e i gioielli. Vorrà dire che me ne prenderò uno di plastica…». Milik ha poi concluso raccontando col sorriso dei messaggi ironici ricevuti su Instagram: «Mi chiedevano tutti l’ora…».

18 ottobre 2018 (modifica il 18 ottobre 2018 | 09:28)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *