Napoli, due buoni motivi per battere il Genoa: l’Arsenal e la Juventus


Ci sar la motivazione ulteriore di non far festeggiare alla Juventus lo scudetto con otto giornate di anticipo e per il Napoli, che al campionato forse ha smesso di pensare gi da un po’, la gara con il Genoa diventa una prova di orgoglio.

Non soltanto, per: la posta in palio va oltre i novanta minuti, gli effetti saranno fondamentali per tenere in vita l’obiettivo Europa League. La sfida di stasera al San Paolo rappresenta l’ultima tappa di avvicinamento alla partita dell’anno di gioved all’Emirates, e per arrivarci Ancelotti ha chiesto ai suoi giocatori di riprendere a spingere il piede sull’acceleratore. La spina va riattaccata e al Napoli servono i pezzi pregiati dell’argenteria per riproporsi in campo con lo spirito della prova generale. L’Arsenal lo scoglio da superare per continuare a cullare il sogno di un trofeo, il Genoa rappresenta in quest’ottica la verifica pi importante. Il Napoli quinto nel girone di ritorno e ha incassato undici gol nelle ultime sette gare, l’inversione di tendenza sta nel mettere a punto la fase difensiva: non subire gol contro il Genoa significherebbe aver rimesso a regime un sistema che contro l’Arsenal non dovr mostrare alcuna falla.

Rientrano tra i convocati Insigne, Ospina, Ghoulam e Chiriches assenti da un po’ di settimane per infortuni. Il ritorno del capitano ha un significato altamente simbolico: probabilmente non sar tra i titolari ma dovr scaldare i motori e isolarsi soprattutto dal chiacchiericcio di mercato che nelle ultime ore lo ha travolto. Ancelotti ha la doppia esigenza di risparmiare energie psicofisiche in vista della gara di gioved, ma di tornare per a regime-vittoria con i migliori della sua scuderia. La sconfitta a Empoli stata la spia rossa della disattenzione verso un campionato non pi interessante, che per stasera (nel caso in cui i partenopei dovessero uscire sconfitti) pu offrire alla Juventus lo scudetto dei record con 21 punti in pi.

E allora, niente sconti ulteriori e testa all’Arsenal. La prova generale dell’Europa League dovr materializzarsi nella partita perfetta. Tutti respireranno l’erba del San Paolo, a tutti viene chiesto il contributo speciale di tirare fuori grinta, gioco e intensit per vincere. Per centrare l’obiettivo il Napoli dovr fare i conti con la squadra di Prandelli (senza gli squalificati Romero e Zukanovic), che a sua volta nelle ultime giornate ha sprecato il vantaggio che aveva accumulato in zona salvezza e che adesso ha solo sei punti di margine sulla terzultima in classifica.

6 aprile 2019 (modifica il 6 aprile 2019 | 22:50)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *