Multicloud, come si affrontano i cinque problemi principali –


Da un eccesso all’altro nel giro di pochi anni, se fino a tre anni fa le aziende dovevano essere persuase ad adottare il cloud, ora ne hanno fin troppi: come prevede Idc, entro il 2020 oltre il 90% delle imprese utilizzerà servizi e piattaforme multicloud.

Il multicloud è la tendenza delle aziende che hanno adottato il cloud pubblico spinte dalla necessità di utilizzare servizi differenziati di fornitori diversi e di ridurre al minimo il lock-in su un’unica piattaforma.

Il multicloud consente sostanzialmente alle imprese di limitare i rischi e sfruttare i punti di forza dei diversi fornitori di servizi cloud per migliorare l’ottimizzazione delle prestazioni, ridurre i rischi e, tra gli altri, migliorare l’affidabilità. Ma il multicloud può facilmente trasformarsi in una proliferazione incontrollata di cloud se le imprese non pianificano attentamente la gestione delle risorse cloud e l’integrazione delle risorse tra le varie piattaforme.

Le aziende più accorte sono già impegnate a predisporre le loro strategie multicloud. Ma molte stanno scoprendo le difficoltà legate a benchmarking, pianificazione, allocazione delle risorse e processi. È impossibile, ad esempio, spostare semplicemente sistemi e processi legacy nel multi-cloud ed aspettarsi che funzionino. Per sfruttare la potenza del multi-cloud, le organizzazioni devono identificare quali cloud sono più adatti a supportare ciascun carico di lavoro.

Fabrice De Windt, senior vp Europe, Orange Business Services

Fabrice De Windt, Senior Vice President Europe di Orange Business Services ci spiega quali sono le principali sfide che presenta il multicloud e come affrontarle in una economia digitale altamente competitiva, in cui le aziende devono eseguire carichi di lavoro negli ambienti più appropriati.

Conformità

Per la maggior parte delle aziende i requisiti di conformità come il GDPR si applicano a una parte o a tutti i loro dati. Alcuni affrontano i problemi relativi alla giurisdizione dei dati tramite cloud multipli e data center in diverse aree geografiche. Ma con una miriade di applicazioni è essenziale che i dipartimenti IT sappiano cosa stanno gestendo e dove – e che abbiano gli strumenti corretti per visibilità e monitoraggio.
È essenziale definire le policy a livello IT per mantenere gli standard organizzativi. Queste devono essere agili per affrontare processi aziendali dinamici e introdurre rapidamente restrizioni o standard tra le diverse piattaforme cloud. Nelle organizzazioni più grandi, un responsabile centrale delle policy è una necessità per mantenere la conformità su più piattaforme e servizi multi-cloud.
Infine, è ovvio che le organizzazioni devono verificare che i provider possano soddisfare i loro requisiti di conformità prima di introdurli nella loro infrastruttura multi-cloud.

Sicurezza

Una strategia multicloud ben congegnata può aiutare a neutralizzare la possibilità di attacchi informatici perché gli interi servizi cloud di un’organizzazione non si trovano con un unico provider.
Ma finché i punti di accesso ai dati cloud operano attraverso l’internet pubblico, il rischio di minacce permane e, con le applicazioni distribuite tra diversi provider, queste possono essere difficili da monitorare. Alcune aziende stanno impiegando la crittografia dei dati e i servizi di gestione delle chiavi di identità per rafforzare le loro difese in un mondo multicloud. Altri optano per un modello di fiducia zero, supportato da strumenti di nuova generazione.
In definitiva, l’unico modo per proteggere un ambiente multi-cloud è attraverso un solido approccio a più livelli. Per far questo potrebbe servire l’assistenza di partner di sicurezza specializzati, che permettono alle organizzazioni di continuare a innovare e sfruttare le ultime tecnologie, restando allo stesso tempo un passo avanti rispetto ad un panorama di minacce ostili.

Competenze

Le aziende sono spesso sorprese dalle sfide tecniche associate alla distribuzione e all’esecuzione di un ambiente multicloud. Moltiplicare i cloud significa inevitabilmente aumentare le competenze necessarie per gestire l’intero ambiente in modo efficiente. Per andare avanti con la distribuzione del multicloud, le organizzazioni hanno bisogno di professionisti IT che comprendano le piattaforme e strumenti di gestione di diversi fornitori.
Le aziende dovranno essere preparate a fare l’investimento necessario in competenze IT ed a cercare elementi comuni sulle piattaforme cloud, come sistemi operativi e linguaggi di sviluppo, per semplificare la complessità. In alternativa, dovranno collaborare con Managed Service Provider (MSP) in grado di ottimizzare e gestire le distribuzioni del carico di lavoro delle applicazioni in un ambiente multicloud in posizioni geograficamente distribuite, fornendo al contempo un supporto 24/7.

Controllo costi

Per un controllo dei costi efficace le aziende devono pianificare in anticipo e ottimizzare l’efficienza. I costi elevati, ad esempio, possono essere dovuti a scarsa visibilità sui consumi richiesti durante un determinato periodo o alla mancanza di strumenti di configurazione automatici.
Un’efficace gestione e controllo dei costi richiede un’analisi approfondita dell’intera infrastruttura di un’organizzazione, che spesso rivela servizi pagati senza essere utilizzati. Avere un unico pannello di controllo e un solo dashboard consente ai reparti IT di gestire e ottimizzare le prestazioni e le risorse. Oltre a tenere traccia della spesa attuale per il multicloud, le organizzazioni devono proiettare in avanti nel futuro le loro esigenze di consumo. Gli strumenti di gestione del cloud, ad esempio, possono avvisare gli amministratori quando l’utilizzo totale di un account supera il budget.
La partnership con un MSP in grado di orchestrare l’intero ambiente multicloud per consolidare la fatturazione di più fornitori e offrire una analisi delle prestazioni e costi, può aiutare ad eliminare la pressione interna causata dal monitoraggio del controllo dei costi.
Gli MSP sono in grado di consigliare i migliori cloud in base a requisiti e budget aziendali specifici, dai mega cloud come Microsoft Azure e Amazon Web Services (AWS) ai servizi di cloud provider più piccoli e personalizzati.

Visibilità

Il multicloud per sua stessa natura è complesso e difficile da tracciare. Una piattaforma di cloud management (CMP) riunisce ambienti cloud eterogenei attraverso un unico portale con connessioni native alle principali soluzioni cloud (AWS, Azure, Google, OpenStack, VMWare).
Dal punto di vista della sicurezza, tutto è sotto la stessa gestione e le stesse regole. Un portale e un catalogo dei servizi forniscono le funzionalità disponibili per quanto riguarda le app e il pannello di controllo unificato con cui monitorare l’intero ambiente multicloud. I CMP includono strumenti per l’ottimizzazione dei costi, ad esempio, il che significa che le organizzazioni possono valutare diversi ambienti come Azure e VMWare. Possono verificare se è possibile ottenere una migliore ottimizzazione scegliendo un cloud diverso per determinate applicazioni o passando da cloud privato a pubblico quando si verificano picchi di capacità. Alcune soluzioni possono espandere questa visibilità on-premise utilizzando la stessa interfaccia.
I CMP forniscono indubbiamente un approccio strutturato alla gestione delle risorse dei dati. Un buon CMP può fornire ai CIO le informazioni contestuali chiave sulla loro proprietà multi-cloud. I team interni possono quindi rivolgere la loro attenzione ai cataloghi dei servizi, fornire agli utenti le applicazioni che desiderano e concentrarsi sul passaggio alle app native nel cloud e sull’espansione dei DevOps per migliorare l’efficienza aziendale complessiva.


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *