Mourinho: «La Juve favorita numero uno per la Champions»


Un po’ perché ci crede davvero, molto perché ci gioca contro, martedì sera a Old Trafford con il suo Manchester United, per José Mourinho la Juve è la favorita numero uno per la Coppa: «E’ più di una candidata per questa Champions – dice l’allenatore portoghese – e per tante ragioni. Ha un anno in più di esperienza con lo stesso allenatore, è da cinque stagioni che è candidata a vincere la Champions, e ha fatto due finali». Oltre a questo, c’è un certo Ronaldo. E non è tutto: «A parte Ronaldo che cos’ha di più di un anno fa? Beh, Ronaldo non è poco, è un giocatore davvero speciale, uno dei più forti della storia del calcio. Ma – sorride José – a parte Ronaldo, a parte Bonucci, a parte Cancelo, a parte Emre Can, che spero non abbia nulla di grave e torni presto; a parte questo, mi sono dimenticato qualcuno?».

Senza Mandzukic

La Juve però dovrà fare a meno di Mario Mandzukic: nel corso dell’ultimo allenamento, l’attaccante croato si è fermato a causa di una distorsione alla caviglia sinistra. Per questo, Massimiliano Allegri l’ha lasciato fuori dai convocati. Così come è fuori Emre Can, alle prese con gli accertamenti clinici alla tiroide. Contro i Red Devils, Allegri dovrebbe così scegliere Dybala, anche se il dubbio, in vista della sfida di Champions, potrebbe essere l’assetto: tra il 4-3-3 e il 4-4-2, per dare più equilibrio alla squadra. Di certo, contro le squadre di Mourinho, come al solito, si aspetta una partita fisica e tosta, soprattutto perché l’allenatore portoghese dovrebbe inserire un altro centrocampista, oltre a Pogba e Matic, partiti titolari contro il Chelsea. Tra i bianconeri, posto scontato per Pjanic e Matuidi, mentre si giocheranno il posto, come esterni, Bernardeschi, Cuadrado e Douglas Costa.

Lo show di Mou

Prima delle dichiarazioni sulla partita Mourinho aveva fatto il solito show, finendo con il prendersela con i giornalisti inglesi e spagnoli, colpevoli di fare domande su tutto – il Real, Ronaldo, Pogba – tranne che sulla partita. «Se questa è la direzione della conferenza anch’io vado in un’altra direzione», ha detto a un certo punto, iniziando a parlare dell’ultima sfida con il Chelsea e della quasi rissa per l’esultanza di uno degli assistenti di Sarri: «Ringrazio Sarri e il Chelsea, che si sono scusati, ma come pure ha fatto quel giovane ragazzo: credo meriti una secondo chance, e non meriti di essere licenziato». Contro la Juve, Mourinho non avrà Sanchez, «solo quelli che avete visto in allenamento, io non ho segreti». Poi, il dibattito sul Real: «Non sono aperto alla possibilità di tornarci, penso solo al Manchester United. E voglio finire il mio contratto qui». Erano seguite domande su CR7: «Ronaldo è di un certo livello, uno dei migliori giocatori di sempre. Fare domande su di lui è inutile, è uno dei migliori giocatori di tutti i tempi».

22 ottobre 2018 | 15:36

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *