Mourinho esonerato: ha perso la difesa e le sparate non bastano più


La versione soft: sono le fasi della vita, si viene e si va, si vince e si perde. La versione apocalittica: ha perso il tocco, bollito, un Commodore nell’era dell’Iphone. Probabilmente, come nel calcio sta a centrocampo, il nodo teorico sta nel mezzo: Jos Mourinho non riuscito a gestire la transizione tecnico-tattica del calcio mondiale, rimasto un passo dietro i Guardiola e i Klopp e nemmeno i suoi famosi mind games lo salvano pi. Anzi: da segno di forza sono diventati sintomo di debolezza. Al punto, sostiene Jonathan Wilson sul Guardian, che Jos diventato la parodia di se stesso: uno che non si chiede pi come risolvere un problema, ma come lo risolverebbe il vecchio Mourinho.

Tesi interessante, che conduce a un’altra: forse l’uomo ha (si spera momentaneamente) perso il focus del problema. Impegnato nella vecchie guerre extra campo — con Pogba, con il board dello United, con i media, con la Juventus (l’orecchio teso), eccetera eccetera — ha smarrito pure una sua specificit tecnica fondamentale. Vedere i numeri per credere: 29 gol presi in 17 partite di Premier non sono da lui, per tacere dei 36 tiri subiti nel devastante 3-1 di Liverpool, la tomba della sua storia ai Red Devils. Insomma, Mou non difende pi. E che cosa pu restare a un tecnico che fondava la sua filosofia su questo nobile caposaldo? Solo un grazie e goodbye.

Naturalmente, il flop va storicizzato. Intanto la difficolt, ormai strutturale al ManU, di raccogliere l’eredit di Ferguson: Jos il terzo tecnico saltato da quando sir Alex ha lasciato nel 2013 e i numeri di Moyes e Van Gaal sono nettamente peggiori dei suoi. Poi l’incapacit del club di sviluppare un progetto coerente: Il club naif e marcio fino al midollo, ha tuonato il grande ex Gary Neville.

Ma Jos poi ci ha messo del suo: tanti soldi spesi, giocatori cos cos, mancanza di pazienza, elogio delle altre squadre per mostrare i limiti della propria. C’era una lotta interna per il controllo, spiega Neville. E l’ennesimo scontro ha fatto perdere a Jos — uno che motivava Drogba dicendogli Vorrei andare in guerra con te — il cuore del suo esercito. Vedevo i giocatori disinteressati, osserva amaro Neville, e forse questa la sconfitta peggiore di Jos in questa storia.

La sua bravura non tanto quella di gestire le gare, quanto la mente dei suoi giocatori, raccont di lui una volta Ibrahimovic. A Old Trafford non successo, ma ora stiamo calmi. Questo non per forza il sintomo della fine: i grandi, prima di scomparire, devono subire ben altri k.o. Forse solo un periodo cos. Forse solo un po’ stanco. The Tired One.

18 dicembre 2018 (modifica il 18 dicembre 2018 | 23:02)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *