MotoGp, perché Marquez vincerà (e perché Dovizioso glielo impedirà)


Lo si chiama per comodit match point: la possibilit per Marc Marquez di chiudere la pratica del Mondiale MotoGp 2018 — il suo quinto in sei stagioni in top class, il settimo compresi quelli in 125 e Moto 2 — gi questa domenica a Motegi (gara alle 7 del mattino italiane), con tre gare di anticipo. Lo scenario semplice: lo spagnolo ha 77 punti pi di Dovizioso, dunque gli basta non perderne pi di due e andarsene dal Giappone con almeno 75, visto che ha sette vittorie contro le tre del ducatista. Facile o difficile? Ecco tre buoni motivi per cui MM ce la far. E un ottimo buon motivo perch invece Dovizioso terr il Mondiale aperto almeno fino a settimana prossima in Australia.

1. In stato di grazia

Marc non in forma, di pi. Viene da due vittorie consecutive e, soprattutto, reduce da uno straordinario corpo a corpo in Thailandia con Dovizioso in cui ha riprodotto al dettaglio le manovre con cui il ducatista lo aveva freddato nel 2017. MM minimizza, dice niente stress, niente panico e ripete che non sente l’assillo di vincere per forza adesso. Le sue ultime performance per sono il segno di una confidenza totale e una minaccia implicita: come fece in passato Valentino, Marc potrebbe non accontentarsi (come in questa fase pi adulta della sua carriera ha imparato a fare spesso) ma cercare di vincere il Mondiale in grande stile, cio al primo momento buono. Un altro processo imitativo andato a segno. Che cosa volere di pi dalla vita? .

2. Stimolo Honda

Motegi non un circuito come gli altri: il giardino di casa della Honda, che ne proprietaria. Un dettaglio? Mica tanto. Il grande marchio giapponese sensibile ai simboli e una successo in casa avrebbe un peso notevolissimo. Marc ha gi conquistato il titolo qui nel 2014 e nel 2016, e chi se non lui pu fare felice ancora la Casa di Tokyo? Con Pedrosa scomparso da tempo, ormai alla quartultima gara in carriera, e Crutchlow plafonato al suo livello di rider di seconda fascia, MM pu avere l’orgoglio di dire che questa Honda la fa girare a mille solo lui. Gli ingegneri giapponesi non saranno contenti? Ma cos : la moto complessivamente migliore del Circus la Ducati. Almeno fino a che non salir sulla Honda Lorenzo per il 2019.

3. Lorenzo a pezzi

A proposito di Lorenzo, Jorge a rischio forfait perch le conseguenze del botto che gi gli aveva fatto saltare Aragon e Thailandia si fanno ancora sentire: Non ci sono buone notizie, perch la frattura pi grave di quanto immaginassimo — ha raccontato il Por Fuera appena arrivato a Motegi —. Abbiamo fatto un doppia Tac e la frattura non migliorata, ma nelle prime libere (venerd notte, ndr) prover in moto a vedere le mie sensazioni. Il rischio che forzando nelle staccate la frattura si scomponga ulteriormente e che debba essere necessaria un’operazione. Il problema non il dolore, gi altre volte ho corso con il dolore, ma il peggioramento della frattura. Insomma, presente o no, Lorenzo non sembra un avversario possibile. E a Marquez va solo bene.

Perch tutto questo non succeder

Cercheremo di deludere la Honda in casa sua, ha assicurato Davide Tardozzi, team manager Ducati. Non la ragione principale per credere in Dovizioso, ma aiuta. Di certo anche l’italiano in grande forma, in pi Motegi con le sue ripartenze secche un circuito che alla Desmosedici piace molto: non a caso Andrea ci ha vinto nel 2017 proprio in uno degli epici corpo a corpo con Marquez, sull’acqua, all’ultima curva. La consapevolezza che il titolo perduto pu inoltre alleggerire dalle pressioni pi o meno consce. Infine Dovizioso, ormai un pilota maturo nel momento migliore della carriera, uno che non molla niente e che, come ha ripetuto spesso in questi giorni, sta gi lavorando per il 2019: presente che costruisce il futuro, presente che non va sprecato, ma casomai spremuto. Dovi ce la pu fare. Poi in Australia sar un’altra storia.

18 ottobre 2018 (modifica il 18 ottobre 2018 | 12:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *