Mondiali vasca corta, Orsi argento nei 100 misti, Italia di bronzo nella staffetta veloce 4×50


Gi due medaglie per l’Italia nel quarto giorno di finali al Mondiale in vasca corta di Hangzhou, in Cina. Un argento, quello di Marco Orsi nei 100 misti, dal sapore della rivincita, della rinascita o meglio del ritorno ad alti livelli e che abbassa ancora il record italiano. Il 30enne di Budrio – tesserato per Fiamme Oro e CN Uisp Bologna, oro europeo a Copenhagen 2017 e nei 100 stile libero a Netanya 2015 – tocca in 51’’03 (22’’92 il passaggio ai 50), frantumando il 51’’42 siglato in semifinale e che a sua volta aveva abbassato il 51’’57 firmato lo scorso 30 novembre agli Assoluti di Riccione. Oro al fuoriclasse russo Kiliment Kolesnikov con il record del mondo juniores in 50’’63 (prec. 50’’90 in semifinale) e primato dei campionati; terzo il giapponese Hiromasa Fujimori in in 51’’53. Sono arrivato un po’ lungo a rana, peccato perch potevo scendere sotto i 51’’: era un mio sogno. Il russo andato fortissimo, ed era imprendibile – sottolinea l’allievo di Roberto Odaldi, ventotto medaglie tra Mondiali ed Europei – Ieri notavo che ho fatto quaranta finali individuali internazionali: bello essere ancora qui e a certi livelli. Gasato il Bomber. Sapevo che potevo far bene. Prima della gara mi sono caricato ascoltando un po’ di musica a palla. Dedico l’argento al mio allenatore e alla mia fidanzata che mi sono stati accanto anche nei momenti difficili.

Il sipario della quarta giornata si apre con la quarta medaglia della spedizione, il bronzo della 4×50 stile libero. I moschettieri sono Santo Condorelli (21’’27 primato personale), Andrea Vergani (20’’44), Lorenzo Zazzeri (20’’57) e Alessandro Miressi (20’’62) chiudono in 1’22’’90 che cancella l’1’23”37 in gommato nuotato da Alessandro Calvi, Orsi, Mattia Nalesso e Filippo Magnini per l’argento continentale a Rijeka 2008. Staffetta azzurra preceduta dagli Stati Uniti d’oro con il record del mondo in 1’21’’80 (precedente 1’22’’60), tolto alla Russia d’argento con il primato europeo in 1’22’’22.


Mondiali di nuoto Hangzhou: la Next gen italiana: da Quadarella al «medico» Restivo



Oltre i veterani


Siamo andati tutti forte, nonostante qualche problema allo stacco – spiega Miressi, tesserato per Fiamme Oro e CN Torino, allenato da Antonio Satta e campione europeo in vasca lunga nei 100 stile – Direi che andata comunque benissimo. Quando si scende sotto l’1’’23 vuol dire che sono tempi da grande nazione – prosegue Zazzeri, tesserato per Esercito e FlorentiaNuotoClub e seguito da Fabrizio Verniani – Siamo stati all’altezza dei migliori del mondo: veloci e molto compatti. Noi siamo partiti pensando di batterli tutti – continua Vergani, tesserato per Carabinieri e Nuotatori Milanesi, allenato da Gianluca Caspani e bronzo continentale a Glasgow – Il bronzo va pi che bene, ovviamente.

14 dicembre 2018 (modifica il 14 dicembre 2018 | 13:01)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *