Milan, Piatek è pronto a pedalare: le firme martedì dopo la sfida a Marassi


Bang Bang. Un Pistolero sta per arrivare a Milano, magari non in tempi brevissimi ma la prossima settimana s. Krzysztof Piatek, 23 anni, 19 gol nel suo primo semestre italiano spalmati fra campionato e coppa, a un passo dal vestire la maglia rossonera. Servir un altro incontro programmato per marted, dopo la sfida in programma il pomeriggio precedente a Marassi fra il Genoa e la squadra di Gattuso. Mancano gli ultimi dettagli da limare ma, nel vertice di quattro ore tenutosi ieri fra le delegazioni dei club, sono stati compiuti passi decisivi. Per cominciare, all’appuntamento oltre a Leonardo e Maldini si presentato anche l’ad Gazidis, ovvero il dirigente finora pi scettico sull’operazione per i costi e per l’eccessiva somiglianza tecnica del polacco a Cutrone. Inizialmente al rendez vous, oltre a Gabriele Giuffrida, agente dell’attaccante, rappresentavano il Genoa solo l’ad Zarbano e il dg Perinetti. Enrico Preziosi era infatti impegnato in un hotel del centro con Paratici della Juve per accaparrarsi Sturaro, trattare Romero, chiedere invano Kean e sondare il prestito di Pjaca.

Si aggiunto al summit solo quando stato chiaro che c’era la volont da parte del Milan di venire incontro alle esigenze del club ligure. Per il momento si ragiona sulla base di una cessione a titolo definitivo da 35 milioni pi bonus oltre al cartellino di uno fra Bertolacci e Halilovic: la valutazione del vice capocannoniere della A di 40 milioni. Ovviamente per le firme tutto stato rimandato in attesa dell’ok del fondo Elliott (e degli esiti dei colloqui dei liguri con i due giocatori in esubero dal Milan). Non male come plusvalenza per il mago Preziosi, capace di scovare a Cracovia una pepita d’oro pagata in estate 4 milioni e rivenduta in inverno a quasi 10 volte tanto. Il centravanti firmer invece un contratto fino al 30 giugno del 2023 e guadagner circa 2 milioni (lo stipendio attuale di 450 mila euro).


Higuain verso il Chelsea: Real, Napoli, Juve: tutti i «divorzi» traumatici del Pipita



Era un predestinato


In attesa che si definisca l’operazione, ovviamente viene trattenuto a Milano Higuain, che anche venerd si allenato a Milanello aspettando il via libera per volare a Londra. Il fratello Nicholas gi sbarcato in Europa, a Madrid, in transito per Stamford Bridge. L’argentino spera di esordire gioved con la maglia del Chelsea contro il Tottenham nella semifinale di ritorno della coppa di Lega. Si conclude senza rimpianti e con poca gloria l’avventura del Pipita, costata al Milan per mezzo campionato 18,5 milioni di euro, fra rata del prestito e il lordo di un semestre di ingaggio. Ancora poco e poi toccher a Piatek pedalare.

18 gennaio 2019 (modifica il 18 gennaio 2019 | 22:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *