Milan, l’Higuain scartato in cerca di autostima: forse il futuro c’è ancora


Un anno fa, il 29 dicembre, il Napoli chiuse in testa alla classifica il girone di andata. La Juve era seconda, a un punto ma seconda. Sono utili questi confronti perch danno un colore reale a quel che accade. Per esempio l’Inter era sempre terza ma con due punti in pi. Questo farebbe pensare non sia successo niente in dodici mesi, ma non vero.

L’Inter diventata una buona squadra definitiva, ha trovato un gioco che non un traguardo ma un buon inizio di risultati veri. L’anno scorso segnava solo Icardi, avete idea di quanti gol avesse fatto nel girone di andata? 17, tre pi di Ronaldo adesso. Oggi i suoi gol sono 9, appena 3 quelli di Perisic, ma all’Inter sono 12 i giocatori ad aver segnato contro i 7 di un anno fa. Questo un progresso enorme.

La quarta oggi ha un distacco di 21 punti dalla prima. Non c’ l’ombra di un duello in testa, mai la lontananza stata cos forte. Non un caso. A parte Juve e Inter, nessuno ha mosso molto il proprio mercato.

Cos il gioco si accontentato (ecco il cambiamento), si cominciato a pareggiare di pi. Da una partita su cinque a quasi una ogni tre. Infatti la classifica dopo l’Inter diventa granulare. Ha fatto un grande esordio in Italia Cristiano Ronaldo per gol e continuit, ma niente che non si fosse gi visto. Quattordici reti sono tantissime,ci erano per gi arrivati in media Di Natale, Toni, Cavani per non parlare dei 36 di Higuain. Quattro di quelle reti sono state segnate su rigore, i gol netti sono 10, cifra superata da Piatek (13), Quagliarella, e raggiunta da Milik (10).

In sostanza Ronaldo ha segnato da solo il 2,60% dei gol del campionato. Se andiamo negli anni buoni, quelli a 16 squadre, la formula che pi favorisce chi segna, troviamo stabilmente medie vicine al 5%, soprattutto Chinaglia e Boninsegna. Cristiano stupisce per la totalit del suo gioco. sempre pericoloso, anche nei movimenti pi semplici. Classico e pericoloso, un mix mai visto con questa evidenza.

A proposito di gol, ha segnato finalmente Higuain. Il suo problema cominciato quando la Juve ha preso Ronaldo. Si sentito scartato. gi molto ricco, ha trent’anni, ha qualche chilo in pi, l’intelligenza per capire che il tempo migliore alle spalle. Uno come lui prestato al Milan per far posto a un altro. Credo che questo lo abbia messo in grossa difficolt con la propria autostima. Prestato, nemmeno acquistato. Ha smesso di reagire, ha mollato. Ci sta, accade. Auguri allora a voi e a Higuain, il futuro da qualche parte c’ ancora.

29 dicembre 2018 (modifica il 29 dicembre 2018 | 22:59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *