Milan, gli arbitri ammettono gli errori. Fabbri sarà fermato, lunedì l’incontro con Rizzoli


L’ira del Diavolo. Ci sarebbe anche l’orgoglio, ma la rabbia pi forte. Ancora oggi. Rabbia per una partita che, se da un lato ha finalmente scacciato almeno alcuni dei fantasmi che aleggiavano sinistri dalla disgraziata notte del derby, dall’altro ha lasciato un senso di amarezza, di inquietudine profonda. E soprattutto la sensazione, difficile da levarsi dalla testa, di scarsa tutela da parte degli arbitri. Sensazione che dura da un po’, che viene da lontano: il rigore negato a Piatek a Genova per il tackle di Murru nel recupero, quello a Suso all’Olimpico contro la Roma per la spinta di Kolarov. In queste ore dalle parti di Milanello circola una statistica: solo due rigori concessi ai rossoneri in tutta la stagione, l’ultimo contro il Parma a dicembre. Nessuno in serie A ne ha avuti di meno.

Milan trattato come una provinciale? Brutta frase, gi, perch le provinciali in un mondo e in un calcio ideale andrebbero trattate come le non provinciali, ma l’impressione quella. I due rigori negati allo Juventus Stadium sono l da vedere, tanto che anche i vertici arbitrali hanno riconosciuto gli errori. Giudicati entrambi gravi. Soprattutto il primo, vale a dire il fallo di mano evidentissimo in area di Alex Sandro: era rigore. Ma anche il calcione di Mandzukic a Romagnoli era al limite, forse anche oltre: il croato rischia la prova tv. Ma improbabile.

Fabbri verr fermato per qualche settimana e non diriger pi i rossoneri fino a fine stagione. Geometra di Faenza con la passione per il giardinaggio, 35 anni, internazionale da inizio anno. Era al primo big match, ma ha fallito, andando in tilt. C’ un retroscena: il Var Calvarese, pi esperto, era per il rigore.

In tribuna a Torino era presente anche Rizzoli: ci sar anche lui Luned mattina a Milano nella sede della Lega di serie A alla riunione fra arbitri e societ. Per il Milan interverranno Gattuso e capitan Romagnoli. Il confronto sar inevitabile e con ogni probabilit il designatore bolognese, che dal giorno del suo insediamento sta battendo con forza la pista (apprezzatissima) del dialogo, ammetter l’errore e prover a spiegarlo. L’obiettivo comune, come l’interesse: lavorare per uniformare l’interpretazione dell’insidiosa regola sul fallo di mano.

In Lega potrebbe esserci anche Leonardo, che gi negli spogliatoi aveva avuto un confronto con Fabbri, per poi sfogarsi davanti alle telecamere: L’arbitraggio stato inadeguato nelle scelte e nel dialogo. Il dialogo l’altro punto sul quale il Milan chieder spiegazioni. Romagnoli vorr capire perch le sue cinque ammonizioni siano tutte per proteste.

il momento di tirare fuori orgoglio e rabbia, ci aspettano 7 finali e dobbiamo rialzarci subito ha scritto su Instagram il capitano. Malgrado sconfitta e veleni, la prestazione di Torino ha riportato entusiasmo. E lo stesso Gattuso lo ha sottolineato nel dopo gara, parlando di uno dei migliori Milan dell’anno, lasciando le proteste ai dirigenti. Scelta comunicativa saggia e condivisa. Rino fa bene a concentrarsi sulle cose di campo. Su cosa ha ripreso a funzionare e cosa no, per esempio. Perch il Milan non sembra pi avere i 90’? Esiste un correttivo tattico? Per la risposta alla domanda principale, se il tunnel sia alle spalle o meno, non serve aspettare molto. Sabato arriva la Lazio, bloccata ieri sul pari, come l’Atalanta. Uno spareggio Champions che dir molto, se non tutto. Diavolo, ci sei?

7 aprile 2019 (modifica il 7 aprile 2019 | 22:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *