Milan-Dudelange 5-2, rossoneri da incubo per 30’ poi arriva la goleada


Davanti a Ivan Gazidis, prossimo a essere nominato amministratore delegato del club, il Milan ipoteca il passaggio ai sedicesimi di Europa League, dopo 47’ in svantaggio con i dilettanti gi eliminati del Dudelange e grazie al successo casalingo del Betis sull’Olympiakos. Grazie a un Calhanoglu ritrovato, il Milan che in coppa pu schierare Higuain -nervoso ma poco efficace-, riaggiusta una partita che sembrava persa. Ora per l’aritmetica qualificazione serve un pari il 13 dicembre ad Atene -o al limite una sconfitta con un solo gol di scarto-.

Con un 4-4-2 imbottito di seconde linee, da Bertolacci e Halilovic in mediana a Simic come compagno di reparto di Zapata, il Milan inanella una delle prestazioni discontinue frequenti di questi tempi. Inizia con convinzione, si porta in vantaggio, poi arretra e incassa il pareggio. Nell’ordine: Higuain dopo 6 minuti manda fuori di poco un rasoterra. Un minuto pi tardi Calhanoglu a impegnare Bonnefoi dopo un servizio dalla destra di Halilovic. E’sempre il croato, prima di stasera utilizzato solo 3’, a mettere sui piedi del Pipita un pallone delizioso su cui il portiere del Dudelange si fa trovare pronto. Prima della rete di Cutrone al 19’ i lussemburghesi mettono il naso fuori dalla propria area con Melisse che manda alto sopra la traversa. Poi appunto la rete che sembra mettere in sicurezza i rossoneri: servito di tacco da Higuain, il baby collega di reparto, con la complicit del poco reattivo portiere del Dudelange, segna di sinistro, laureandosi con otto reti come il milanista pi prolifico in Europa League.

Sembra tutto bello, tutto facile. Appunto, lo pensano anche i giocatori in campo che diminuiscono i ritmi e arretrano il baricentro fino a incassare al 39’ il pari dai dopolavoristi del Dudelange: Stolz, in beata solitudine, a segnare al volo di destro. San Siro -peraltro mezzo vuoto: meno di 16mila spettatori- si ammutolisce e nemmeno protesta troppo quando a una manciata di secondi dal termine Prempeh si libera di Cutrone in area: rigore sospetto ma l’arbitro Bezborodov lascia correre. A questo punto ci si dovrebbe immaginare un ritorno in campo nella ripresa di milanisti tarantolati. Invece Turpel dopo quattro minuti a realizzare il clamoroso gol del vantaggio. Non solo, sfruttando una dormita di Laxalt, avrebbe pure l’occasione per sigillare la vittoria.

Gattuso corre ai ripari e dopo un quarto d’ora inserisce Suso per Halilovic e poco dopo Jos Mauri per un fischiatissimo Bertolacci. Il Milan pi con confusione che con geometrie si porta in avanti alla ricerca del 2-2. Lo trova al 21’ con Cruz ingenuo a deviare nella porta di Bonnefoi un traversone di Calhanoglu dalla sinistra. I rossoneri si scrollano di dosso le paure e al 71’ di nuovo con il turco, opaco in questa stagione, si portano in vantaggio allontanando i fantasmi da San Siro. I lussemburghesi dopo aver sognato l’impresa si squagliano dimostrando l’evidente inferiorit tecnica. Cos su una punizione di Calhanoglu, Schnell devia nella propria porta per il 4-2 rossonero.

Tutto finito? No, c’ festa anche per Borini, lesto a ribattere in rete la palla che precedentemente Calhanoglu aveva spedito sulla traversa. Bakayoko esce con una caviglia dolorante nel finale. Ora basta un pari ad Atene con l’Olympiakos o al limite anche una sconfitta con un gol di scarto per passare il turno, ma che paura.

Intanto Leonardo gi al lavoro per pianificare le operazioni di gennaio. Se l’affare Ibrahimovic sembra incanalato sui binari giusti favorito da cifre compatibili con il rigore della Uefa, pare pi complesso portare a Milano Cesc Fabregas. Il trentunenne, gi seguito da Adriano Galliani negli anni in cui lo definiva il mister x, ha il contratto in scadenza con il Chelsea dove non tra i titolari di Sarri. Guadagna pi di 8 milioni di euro e ha offerte dalla Cina. Una trattativa con i londinesi -che fanno sapere di volere un indennizzo da 10 milioni di sterline da reinvestire per il sostituto dello spagnolo- non ancora stata avviata. Per i colloqui con l’agente del giocatore sono gi avvenuti. Sul piatto ci sarebbe un accordo di due anni e mezzo con uno stipendio da 3,5. Il finale della storia per ancora tutto da scrivere.

29 novembre 2018 (modifica il 29 novembre 2018 | 20:57)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *