«Mi cacciano da casa dopo 68 anni» –


«Io, mia moglie e i nostri cinque figli siamo disperati. Tra meno di un mese verremo sfrattati e finiremo per strada».

Con queste parole Mariano, ex dipendente del comune di Napoli, inizia a raccontarci la sua storia. Una storia fatta di attese, desideri e delusioni. Ancora oggi vive con la famiglia nel borgo di Sant’Antonio Abate, nella casa in cui è nato e che – dopo 68 anni – dovrà lasciare. Il termine ultimo è il prossimo 10 dicembre e la situazione sembra disperata.

 

«Io prendo 700 euro di pensione e con cinque figli a carico non posso pensare di pagare i fitti che mi vengono chiesti. Negli ultimi sette anni ho partecipato ai bandi di assegnazione di case popolari ma non ho mai avuto risposte. Ho anche scritto gli organi competenti, all’assessore Enrico Panini e al cardinale Sepe. Nessuno però è riuscito a comprendere la mia situazione. Chiedo solo un aiuto per me e la mia famiglia che tra meno di un mese potrebbe finire in strada». 


Lunedì 26 Novembre 2018, 14:33 – Ultimo aggiornamento: 26-11-2018 16:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *