Mercati in ribasso. Milano apre a -0,8


Spread in calo a 305 punti, ma sempre (purtroppo) al di sopra di quota trecento. La Borsa di Milano apre invece in calo di quasi un punto percentuale (-0,80%) con pesantezza soprattutto nel settore finanziario. Il Monte dei Paschi di Siena lima ancora la sua capitalizzazione scendendo sotto quota 1,7 miliardi di euro (un anno fa il governo ricapitalizzò versando 5,4 miliardi cash) e Banca Carige perde il 2 per cento, scendo sotto quota mezzo centesimo. Se queste sono le due banche più sotto osservazione in questo momento (Carige sta pensando a un bond per rinforzare il capitale) non è che il settore brilli: solo Bper tra le quotate ha aperto in sostanziale stabilità (+0,03 per cento) a quota 3,381 euro. Rosso per tutte le altre, con Intesa scesa sotto quota 2 euro e Unicredit pericolosamente vicina a quota 11 euro.

Avvio di seduta in calo a Piazza Affari anche per Atlantia e Autogrill dopo la scomparsa di Gilberto Benetton, la mente finanziaria e il regista della diversificazione del gruppo di Ponzano Veneto. Atlantia, di cui Benetton era consigliere, è piatta, in controtendenza rispetto a un listino quasi completamente in rosso mentre Autogrill, di cui era presidente, arretra dell’1,41% .

Il sentiment negativo, con l’euro a 1.14 sul dollaro, accomuna tutto il Vecchio continente. Apertura in netto ribasso infatti anche per le altre borse europee. A Francoforte il Dax 30 è in calo dell’1,36% in avvio a 11.367,57 punti. A Londra il Ftse 100 perde lo 0,77% a 6.988,75 punti. A Parigi il Cac 40 cede l’1,21% a 4.991,91 punti.

In rosso anche i mercati cinesi di Hong Kong e Shanghai, mentre in Giappone sia l’indice Nikkei sia il Topix hanno chiuso con ribassi superiori a due punti e mezzo percentuali. Sui mercati torna l’avversione al rischio per una serie di fattori tra cui la guerra commerciale, le preoccupazioni su nuovi rialzi dei tassi Usa, l’incertezza del processo Brexit e l’evoluzione del caso Khashoggi in Arabia Saudita. Senza contare l’incognita Italia. Oggi dovrebbe arrivare il giudizio della Commissione europea sulla legge di bilancio.

23 ottobre 2018 (modifica il 23 ottobre 2018 | 09:41)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *