Max e Rino, nemici-amici: dallo shampoo infinito, alle urla alla proposta di lavorare insieme


Shampoo infinito

Tutto inizia a Perugia nel bienno 1995-1997, dove Max un giocatore col futuro dietro alle spalle e Rino un giovane affamato, aggregato alla prima squadra: Lui era il capitano e mi ha sempre trattato come un giocatore vero, anche se avevo 16 anni – ricorda Ringhio. Sotto la doccia per era il momento degli scherzi. E cos accadde che Gattuso non la finiva mai di farsi lo shampoo, perch Allegri continuava a versargliene in testa. solo uno dei tanti scherzi a cui si prestava Rino, che faceva la sua sfuriata e poi ricominciava a lottare: in campo contro gli avversari e in squadra, coi compagni pi grandi.

Quelle urla in camera

Mentre Ringhio impila mattoni che altri dipingono nella grande epopea del Milan di Ancelotti, Allegri costruisce la sua carriera di allenatore in provincia, fino al 2010, quando dal Cagliari di Cellino fa il grande salto nel Milan di Berlusconi, in fase calante, come uno dei suoi simboli: tocc quindi a Max andare in camera di Rino prima dell’ultimo derby della sua carriera, per dirgli che non avrebbe giocato. E il grande centrocampista dal cuore d’oro si infuri. Salvo poi dire riconoscere qualche anno dopo che non ero il giocatore di prima, arrancavo. Max aveva ragione, gli ho chiesto scusa.

Proposta rifiutata

Ha sempre avuto l’occhio lungo Allegri, tanto da invitare Rino a smettere di giocare nell’estate 2012 per entrare nel suo staff tecnico. Gattuso non accetta l’invito, ma dopo tre mesi al Sion si arrende al tempo che passa. Da allora iniziata una nuova vita per Rino e anche il rapporto con Max cresciuto: E’ diventato un grandissimo allenatore, gli invidio la bravura, perch quando vai a studiare la Juve non ci capisci nulla. Vuol dire avere grande conoscenza e un grande staff.

Questa sera per il riscatto

Stasera si replica, per Gattuso fare punti sarebbe vitale. Ma allo Stadium in sette sfide di campionato il Milan non ha mai raccolto nemmeno un punto. E nella storia della Juventus non c’ mai stata una striscia di otto vittorie casalinghe contro i rossoneri. Rino sogna di fare uno scherzo al vecchio compagno che lo prendeva di mira. E riscrivere un po’ la storia del rapporto con Max.

6 aprile 2019 (modifica il 6 aprile 2019 | 10:04)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *