Manovra, pronta la procedura dell’Ue per deficit eccessivo: decisione il 21 novembre


A meno di cambi di rotta sostanziali, il 21 novembre l’Italia torner dove non si trovava da cinque anni: nella gabbia di regole, pressioni e sorveglianza di una procedura europea per deficit eccessivo. Poche volte in tempi recenti si era registrato un consenso tanto ampio nella Commissione Ue per una scelta cos rilevante, secondo varie voci convergenti dall’interno dell’istituzione. Ma tutti i giri di tavola fra il presidente Jean-Claude Juncker, i vicepresidenti e il resto di commissari — con la parziale eccezione del francese Pierre Moscovici — sono arrivati alla stessa conclusione: accelerare l’applicazione del cosiddetto braccio correttivo del Patto di stabilit.

Il calendario gi organizzato per tappe su tutto novembre. All’inizio della prossima settimana si riuniscono nell’Eurogruppo i ministri finanziari dell’area euro e l’impressione a Bruxelles che alcuni di essi cercheranno di forzare la mano alla Commissione, perch applichi il prima possibile la massima fermezza al caso del bilancio italiano. Di certo nell’Eurogruppo gli schieramenti oggi vedono diciotto Paesi contro uno solo — quello sotto accusa — perch neanche la Grecia sta sostenendo la posizione italiana (del resto l’Italia lasci da sola Atene durante la sua rivolta ai programmi europei nella prima met del 2015).

Pochissimi giorni dopo, l’8 novembre, la Commissione Ue pubblicher le proprie previsioni economiche e da l dovrebbero emergere tutti i dubbi sui programmi dell’Italia: la crescita attesa sul 2019 sar senz’altro molto sotto a quanto stima il governo, il debito pubblico sar visto probabilmente in aumento rispetto a quest’anno (non in calo come si promette a Roma) e il deficit pi alto del 2,4% annunciato fin qui; tutto ci, naturalmente, sempre che nei prossimi giorni l’esecutivo di Giuseppe Conte non riveda i propri piani. Lo si capir in ogni caso entro il 13 novembre, il termine perch l’Italia risponda all’ultima lettera di contestazioni da parte di Bruxelles.

Per adesso a Roma si solo discusso di piccole concessioni alla Commissione europea, per esempio posticipando di uno o due mesi l’avvio di alcuni programmi di spesa. A Bruxelles per c’ un consenso molto deciso, almeno per adesso, per rifiutare i compromessi che non incidono sulla struttura dei costi sul bilancio italiano una volta entrato a regime. Salvo cambi di rotta a Roma o a Bruxelles, l’Italia cos a un passo dal tornare nella procedura di deficit eccessivo da cui era uscita nel 2013: diventa esecutiva entro dieci giorni dalla proposta attesa il 21 novembre a meno che una maggioranza rafforzata di governi europei – fatto improbabile – si pronunci contro.

La Commissione ha scelto di accelerare al massimo, anche perch attendere il consuntivo dei conti del 2018 avrebbe significato agire contro l’Italia solo a ridosso delle elezioni europee di maggio prossimo. A quel punto moltissimi degli attuali commissari Ue saranno gi dimissionari e candidati all’Europarlamento, con un esecutivo di Bruxelles di fatto dimezzato e in uscita. Poich per queste procedure sono possibili solo sulla base di dati di consuntivo di anni passati, muovere adesso impone a Bruxelles di farlo sui dati del debito pubblico del 2017 lasciati in eredit dal governo Pd di Paolo Gentiloni. Su quelli si era scelto di soprassedere a primavera scorsa, perch allora la Commissione vedeva in Italia qualche progresso nell’adottare e realizzare riforme strutturali che rafforzino la crescita. Questa precondizione viene meno invece alla luce dei piani di bilancio del governo attuale. Nella Commissione Ue si consapevoli che una decisione sulla base dei dati del 2017 pu prestarsi alla tesi, da parte dell’attuale governo, che la sanzione colpa del precedente; a Bruxelles per in questo caso si d pi importanza alla continuit degli impegni dello Stato che ai cambi di stagione politica.

Qualunque cosa accada, il 21 novembre non dovrebbero invece scattare vere e proprie sanzioni, con la richiesta all’Italia di effettuare un deposito non fruttifero pari allo 0,2% del Prodotto interno lordo (3,5 miliardi di euro). Ma la possibilit legale esiste. E pu presentarsi all’ordine del giorno in qualunque momento dei prossimi mesi, se il clima tra Bruxelles e Roma non migliora.

1 novembre 2018 (modifica il 1 novembre 2018 | 08:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *