Maltempo, quali sono le cause dei fenomeni sempre più estremi


L’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia è stata eccezionale?
Era prevista, ciò che ha sorpreso è stata lunedì l’intensità del vento con raffiche che in alcune zone hanno soffiato a 180 chilometri all’ora e soprattutto l’estensione delle aree investite. Per quanto riguarda il vento è presto per dire se è stato un fenomeno record, occorre verificare le serie storiche, ma picchi con una tale intensità e su un territorio così ampio a memoria è difficile trovarli.

Quali sono le cause delle intense piogge soprattutto nel Nord-Est?
La bassa pressione nel Mediterraneo occidentale ha provocato venti che, passando sul mare ancora caldo – la settimana scorsa sono stati raggiunti record storici di temperatura per ottobre in molte regioni – hanno acquisito grandi quantità di umidità. Scontrandosi con masse d’aria più fredde verso i monti hanno scaricato ingenti volumi di pioggia. Sono state registrate precipitazioni fino a 450 millimetri in due giorni sulle Alpi venete e friulane. Non è la prima volta, ma non è un fenomeno che avviene di frequente.

A Venezia l’acqua alta lunedì ha raggiunto i 156 centimetri, quarta misura dal 1923. A cosa è dovuto?
Si è verificata una serie di cause concomitanti: venti tesi di scirocco hanno spinto l’alto Adriatico verso la terraferma con onde di 5 metri d’altezza. A questo si è sommato un impulso di oltre mezzo metro dovuto all’azione astronomica della Luna.

Questa perturbazione può essere classificata come «Medicane» (Mediterranean Hurricane), cioè a una sorta di uragano che si sviluppa nel Mediterraneo?
Si tratta di una tipica perturbazione di inizio autunno, molto forte e intensa, ma non è un «Medicane». Fenomeni paragonabili sono avvenuti nel 1966, nel 2000 e nel 2004.

L’attuale ondata di maltempo dipende dai cambiamenti climatici?
Il riscaldamento globale rende l’atmosfera più calda e instabile e aumenta l’evaporazione. Fenomeni estremi come questo diventeranno più frequenti.

(Risposte di Carlo Cacciamani, del Centro funzionale della Protezione civile, e Daniele Contini, responsabile di Isac-Cnr Lecce)

30 ottobre 2018 (modifica il 5 novembre 2018 | 17:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/scienze.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *