«Luca era una bomba a orologeria» –


«Avevano tutti paura di Luca, non ci permettevamo di mandarlo via, perchè era una bomba ad orologeria». Elena Grande, la vedova di Vittorio Materazzo, l’ingegnere ucciso con decine di coltellate, davanti la sua abitazione, a Napoli, il 28 novembre del 2016, ha manifestato, oggi in udienza, nell’aula 115 del Tribunale di Napoli, tutti i suoi timori riguardo il cognato Luca, accusato di essere l’assassino del marito. Rispondendo alle domande dei suoi avvocati, Arturo e Errico Frojo, e dell’ avvocato Nicola Giovanni Saetta difensore del fratello della vittima, ha più volte messo in evidenza questo aspetto. Elena Grande ha anche avuto un botta e risposta, a voce alta, con l’avvocato dell’imputato quando quest’ultimo le ha chiesto perchè, subito dopo l’assassinio del marito, non avesse chiamato il cognato: «Avvocato, Luca odiava mio marito, perchè avrei dovuto chiamarlo». La prossima udienza è stata fissata giovedì 22 novembre, nell’aula 115 del tribunale di Napoli.

Elena Grande ha anche ricordato, sollecitata dagli avvocati, di avere carpito una conversazione che l’aveva turbata, a casa del padre del marito, Lucio Materazzo, poco dopo la sua morte. Luca stava avendo una accesa conversazione con Fabrizio Fiore, l’attuale compagno di Scintilla Maria Amodio, la donna che è stata legata sentimentalmente a Lucio, nell’abitazione dove i tre vivevano. Una conversazione agitata, con sede sbattute sul pavimento, dove Luca a voce alta dice: «l’aggia acciso, l’hamm acciso (l’ho ucciso, l’abbiamo ucciso)…che vita di merda, fino a quando vuoi manipolare la vita delle persone… papà aveva le mani legate». Elena Grande più volte ribadito i timori che nutriva nei confronti del cognato, insieme con il marito, il quale aveva proibito al fratello di recarsi nella sua abitazione (abitavano nella stessa palazzina ma su piani diversi, ndr) in sua assenza, anche se in una occasione Luca, per discutere della ripartizione di una tassa, si era recato a casa del fratello. Nel corso dell’udienza è stata anche ricordato che Lucio, con una lettera, una settimana prima della sua morte, aveva sancito, nero su bianco, la sua volontà di lasciare le redini dell’azienda di famiglia nella mani di Vittorio.


Giovedì 15 Novembre 2018, 12:35 – Ultimo aggiornamento: 15-11-2018 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *