Lo spread scende e spinge i titoli bancari, Piazza Affari in salita


In attesa della risposta dell’Unione europea sulla manovra, Piazza Affari sale dell’1,37%, mentre lo spraed scende a 314 punti in apertura dopo aver toccato i 336 punti marted. A trainare il listino sono i titoli bancari, con Banco Bpm e Carige che salgono del 5,8%, seguite da Ubi (+2,7%), Bper (+2,4%), Intesa (+2,4%), Mps (+2,3%) e Unicredit (+2,1%). Nel giorno del Piano strategico al 2021, Generali guadagna il 2,44%. Bene anche Tim (+1,3%), dopo il rinnovo dell’amministratore delegato. In calo Luxottica (-0,7%) e Campari (-0,67%). Vola Pierrel (+11%), che ha chiuso due contratti in Canada.

A Wall Street intanto marted proseguito il sell-off: il Dow Jones ha azzerato i guadagni del 2018, crollando di oltre 551 punti a 24.465,64 punti, l’S&P500 ha perso l’1,8%. Negativa anche l’Asia, dove Tokyo ha chiuso in ribasso dello 0,35%. Oggi la Commissione europea infatti si pronuncer sulla legge di bilancio e con molta probabilit far le prime mosse in direzione di una procedura di deficit eccessivo, con focus sull’incapacit del Paese di ridurre il proprio debito. Nel giorno del verdetto di Bruxelles, l’Istat pubblicher le prospettive economiche dell’Italia. Attesa la chiusura dell’offerta della quattordicesima tranche del Btp Italia (oggi ultima giornata dedicata ai retail, domani spazio agli istituzionali). Ieri le richieste sono state per solo 272 milioni.

21 novembre 2018 (modifica il 21 novembre 2018 | 10:10)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *