lettera a Conte e Mattarella –


Sono già novemila le firme raccolte in tutta Italia dai docenti universitari per esprimere la loro contrarietà alle legge di bilancio 2019. In prima fila tre prof napoletani Marcello D’Aponte, Davide De Caro e Carmela Cappelli. Hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte nonché al Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, a quello dell’Economia Giovanni Tria. Quando venerdì si chiuderà la sottoscrizione delle firme, il documento verrà indirizzato anche al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

«Nel testo presentato troviamo ben poco riguardo alle richieste da noi avanzate con la proclamazione dello sciopero dagli esami di profitto nelle Università italiane nel periodo 1° giugno-31 luglio 2018  richieste in merito allo sblocco definitivo degli scatti dei Professori e Ricercatori Universitari (già oggetto di uno sciopero nel 2017, che ebbe qualche effetto, seppur non risolutivo, sulla Legge di bilancio 2018), ai Docenti assunti post-Gelmini, ai concorsi per Professori Associati, Ordinari, Ricercatori di tipo B, alle borse di studio per gli Studenti, all’abolizione definitiva delle limitazioni alle assunzioni nelle Università», è l’esordio della missiva. «Se nel corso dell’iter parlamentare della Legge non ci sarà un deciso cambiamento di rotta sarà inconfutabile che, ancora una volta, all’Università italiana sono negate le risorse necessarie per riacquistare fiducia nel futuro e per rilanciarsi dopo tanti anni di “tagli”. Sarà un segno che l’Università continua ad essere la “Cenerentola” che è stata per tanti Governi precedenti, anzi peggio, malgrado le tante enunciazioni di principio sul promesso “cambiamento”, i segnali di apertura e le speranze accese anche in recenti incontri. Le nostre richieste fatte con la proclamazione dello sciopero anzidetto hanno trovato largo seguito, con 5500 colleghi che hanno aderito allo sciopero. Per le ragioni appena esposte proclamiamo lo stato di agitazione dei Professori e dei Ricercatori Universitari», annunciano chiedendo un incontro ai rappresentanti istituzionali competenti.


Lunedì 12 Novembre 2018, 20:06 – Ultimo aggiornamento: 12-11-2018 20:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *