Lega A, Milano quarto stop: cade anche con Cremona, Venezia è a 2 punti


Venezia, Real Madrid, Panathinaikos e ora Cremona. L’Olimpia perde la quarta partita consecutiva tra campionato e Eurolega e ora ha solo 2 punti di margine su Venezia che contro Avellino colleziona la settima vittoria nelle ultime 8 giornate. La squadra di Pianigiani, priva di James e Nedovic, s’illude nel primo quarto quando doppia gli avversari sul 22-11. A quel punto Milano ha 9/13 al tiro ma poi sbaglierà 27 delle 46 conclusioni successive. Cremona mette le mani sul match grazie a due parziali a inizio secondo (14-2) e quarto quarto (11-2) e capitalizza il vantaggio in termini di energia che si traduce in un 16-5 nei rimbalzi offensivi. Gli autografi decisivi sul 76-72 finale li appone Crawford che scrive 14 dei suoi 24 punti negli ultimi 10 minuti. Per l’Armani i migliori realizzatori sono Nunnally (19 punti e 29 di valutazione) e Tarczewski (21 punti ma 3/10 ai liberi).

Nell’altro scontro dei piani alti Venezia continua il suo ottimo girone di ritorno piegando 76-65 Avellino. Il successo orogranata sboccia grazie al solito Watt che dopo i 24 punti realizzati al Forum d’Assago, alza ulteriormente l’asticella e ritocca il suo massimo stagionale salendo a quota 27 con 2 soli errori su 14 tiri. Per la squadra irpina 4 in doppia cifra, il migliore è Green con 14 punti e 8 rimbalzi.

Nel duello tra quinta e sesta forza del torneo la spunta Brindisi che supera 81-77 Varese e aggancia la Sidigas a quota 28. La coppia Chappell-Moraschini trascina i pugliesi confezionando un bottino da 34 punti e 12 rimbalzi. Avramovic con 16 punti è il realizzatore più prolifico in casa biancorossa. Dopo 7 vittorie consecutive si ferma la corsa di Cantù che crolla 66-88 in casa contro Trieste. Zoran Dragic con 21 punti è il faro dell’Alma che beneficia anche dei 14 punti con 4/7 dall’arco di Fernandez. Per i brianzoli il migliore è Gaines con 25 punti.

Stop dopo una striscia di 5 successi per Trento che naufraga a Sassari 88-70. Pozzecco la spunta grazie al collettivo: sono 6 alla fine gli uomini in doppia cifra con 31 punti in due della coppia Smith-McGee. Per l’Aquila 12 di Pascolo e Gomes. Colpo importante in chiave playoff di Brescia che passa 89-91 a Torino rimontando da -15. Prestazione incredibile di Hamilton che realizza 33 punti con 11/16 dall’arco. Prima di questo exploit, l’ultimo giocatore a segnare 11 triple fu Recker di Roseto nella stagione 2003/04. Alla Fiat non bastano invece i 28 punti di Hobson. 15 quelli di Moore che sbaglia la tripla della vittoria.

Nello spareggio salvezza tra le ultime in classifica blitz fondamentale di Reggio Emilia che vince 76-80 a Pistoia e ribalta anche il -2 della gara d’andata. Per i toscani 29 di Mitchell mentre la Grissin Bon ringrazia i 21 di Dixon e firma il primo successo nel girone di ritorno.

24 marzo 2019 (modifica il 24 marzo 2019 | 22:50)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *